60 anni di VW Karmann Ghia

60 Jahre Volkswagen Karmann Ghia
notizie / 22 agosto 2013

All’epoca non c’era ancora una piattaforma MQB capace di dar vita a decine di modelli diversi in un sol colpo, ma Volkswagen già più di sessant’anni fa s’inventò qualcosa di simile. Sulla base del Maggiolino, che era un successo commerciale senza precedenti, la Casa di Wolfsburg decise di realizzare un nuovo modello per arricchire la gamma.

I tecnici si misero al lavoro all’inizio degli anni Cinquanta, ma fu soltanto nel 1953, al Salone di Parigi, che l’idea prese la sua forma definitiva.

La carrozzeria Ghia presentò infatti un prototipo di coupé su base VW Maggiolino (quello, perfettamente conservato, che vedete nelle foto) e il suo stile fu talmente convincente che i vertici di Wolfsburg diedero il via libera alla produzione di questa nuova coupé.

Che in versione di serie arrivò due anni dopo, nel 1955, battezzata 1200 Karmann Ghia: la cifra stava a indicare la cilindrata del 4 cilindri boxer, Karmann era la carrozzeria tedesca che ne curava la produzione, Ghia la celebre carrozzeria torinese che firmò lo stile. Nel 1957 arrivò anche la variante Cabriolet e così la Karmann Ghia intraprese un cammino commerciale che durò fino al 1974, con un totale di 362.601 coupé e 80.881 Cabriolet.