E' il frutto di un concorso interno tra i vari centri stile globali del marchio, Honda Project 2&4. Numeri che tracciano un'identità: due e quattro ruote, divisione moto e auto che, insieme, concretizzano un concept dalle ambizioni importanti, ovvero, assicurare la manovrabilità di un'auto con la libertà che solo la moto sa regalare. Sono i centri stile di Asaka (solitamente al lavoro sulle Honda a due ruote) e quello di Wako (auto) ad aver partorito la 2&4, della cui scheda tecnica al momento si sa praticamente nulla, se non l'impiego del motore quattro cilindri a V di 90 gradi preso in prestito dalla Honda RC213V da MotoGP. Parliamo di un propulsore mille di cilindrata da oltre 230 cavalli in configurazione gara, che verrà depotenziato per l'installazione sulla Project 2&4. Pochi cavalli non toglieranno interesse alla show car, anticipata da un teaser buono per intravedere le forme principali. Somiglierà a una monoposto, con abitacolo aperto, ma sembra non sarà posizionato al centro, bensì sul lato sinistro. Il propulsore è destinato a bilanciare le masse, rimanendo a destra, sulla pancia che separa le ruote con sospensioni a triangoli sovrapposti, tanto F1-style. Anche la grafica, con prevalenza di bianco, tocchi neri e l'immancabile sole rosso, si ispira alla storia da corsa di Honda, quella che affonda le radici negli anni Sessanta, ai tempi della RA272, prima monoposto "jap" a vincere un gran premio: era l'autunno del 1965, in Messico, quando trionfò Richie Ginther e Honda Project 2&4 arriva a 50 anni esatti di distanza, tributo ideale. Honda Uni Cub Sullo stand Honda a Francoforte catturerà gli sguardi per l'originalità del progetto e sarà affiancata da due cavalli molto importanti per il marchio in Europa: le nuove Honda Jazz e Honda HR-V. Visione sulla mobilità personale del futuro, infine, con Honda Uni-Cub β, avveniristico "trolley" con ruota principale omnidirezionale (assistita da ruote più piccole supplementari) e comandato dai movimenti del passeggero. La tecnologia deriva dal robot Asimo. Fabiano Polimeni