Turbo e GT3 offrono lo spunto per una Porsche 911 GT2 RS che promette di rappresentare la sintesi perfetta delle massime prestazioni all'interno della gamma. Strada ancora lunga per scoprirla dal vivo, ancor più per accoglierla in strada. Un prototipo - non omologato per la circolazione - fa da manifesto di quel che sarà e fornisce numeri e indiscrezioni sulla prossima generazione. Il motore boxer 6 cilindri arriverà dalla Turbo (leggi il test in pista a Kyalami), il 3.8 litri verrà sviluppato per oltrepassare la barriera dei 650 cavalli e 750 Nm (580 cavalli e 700 Nm su Turbo S). Anticipazioni fornite dal capo dello sviluppo del progetto, Andreas Preuninger, a Evo.uk

Il boxer avrà turbocompressori maggiorati e una pressione di sovralimentazione superiore. L'incremento delle prestazioni avverrà anche grazie a un sistema di iniezione d'acqua per la riduzione della temperatura nei condotti di aspirazione, soluzione in grado di abbattere anche di 15° C la temperatura, qualcosa di simile a quanto fa BMW su M4 GTS. L'abbinamento con la trazione posteriore e il cambio PDK sarà l'unica opzione possibile, il cambio manuale resta un'alternativa per altre declinazioni di 911, la R e GT3, nello specifico. Vista la mission da raggiungere con la GT2 RS, nessuna alternativa avrebbe assicurato prestazioni migliori.

L'anticipazione di un tempo sullo zero-cento inferiore ai 3" appare quasi "naturale", considerato il 3"5 di cui era capace la 911 GT2 RS del 2011. Oltre 335 km/h, invece, la punta velocistica massima. Se il parallelo si fa con la precedente generazione di GT2 RS, anche lo zero-200 orari ampiamente al di sotto dei 9", come promesso da Preuninger, fa parte dell'evoluzione rispetto ai 9"8 del progetto svelato 6 anni fa.

Un importante lavoro di affinamento dell'assetto verrà fatto sui muletti di sviluppo,  non appena usciranno dalla linea di produzione e omologati per la circolazione su strada. Andrà rifinito il tuning delle sospensioni, mutuate dalla Porsche 911 Cup. Basti pensare che la rigidità delle molle anteriori sarà doppia rispetto alla GT3 (in foto). Sul versante delle masse in gioco, Porsche punta ad abbattere il muro dei 1.500 kg e migliorare ulteriormente il valore con il pacchetto Weissach, tra cerchi in magnesio, roll-bar in materiale leggero e vetrature in Cornering Gorilla Glass. 

Porsche 911 GT3, vecchia scuola boxer aspirato: la prova

I supporti motore attivi, in grado di modificare la reattività dell'insieme motore-telaio, privilegiando la massima prestazione o una marcia un po' più "soft", lo scarico in titanio e i freni carboceramici faranno parte della dotazione standard. 

LA GAMMA PORSCHE E IL LISTINO PREZZI