Vienna. E’ stato presentato ufficialmente il nuovo (o: rinnovato, fate voi) Nissan Qashqai, a dieci anni dal lancio del primo e fortunato modello, che nella sua carriera ha sedotto ben 2,3 milioni di acquirenti in Europa, con una quota di mercato del 10,45 nel segmento C-SUV.

E se quella prima versione del 2007 inaugurava più un concetto di vetturona, più  capiente e un po’ più alta rispetto al parco circolante di allora, la configurazione attuale, vale a dire la seconda generazione già presente sul mercato dal 2014 con 750.000 esemplari venduti ed ora profondamente rinnovata, le ha fatto guadagnare più che mai lo scettro di regina dei crossover.

La Qashqai ha venduto in Italia oltre 256.000 esemplari nei suoi primi dieci anni di carriera, un lungo periodo nel quale all’inizio il suo concetto rivoluzionario non aveva alcun concorrente, mentre ad oggi la categoria conta invece ben 21 competitor! Prenotabile da subito e in vendita ufficialmente a settembre, della Qashqai non sono ancora stati diffusi i prezzi, mentre ormai se ne conoscono tutte le caratteristiche, a cominciare dai ritocchi nello stile esterno ed interno che le donano un nuovo design, soprattutto nella mascherina anteriore più scolpita e nei nuovi fari con firma a led e frecce integrate, ai nuovi materiali ed ai nuovi ritrovati tecnologici di sicurezza ed assistenza alla guida, con il sistema ProPilot che sarà disponibile solo dalla primavera del prossimo anno, e includerà il Cruise Control adattivo, il sistema di mantenimento della corsia e il Traffic Jam Pilot per aiutare il guidatore nella guida nel traffico.

Ma già ora in questa nuova versione del Qashqai troviamo il Rear Cross Traffic Alert, il sistema di riconoscimento dei segnali stradali, i bip che ci avvisano quando stiamo involontariamente uscendo dalla corsia, e la frenata d’emergenza intelligente con sistema di riconoscimento dei pedoni. Tutto è stato rinnovato: i nuovi sedili battezzati Monoform, l’insonorizzazione, i nuovi cerchi in lega da 17”, 18” e 19” e l’antenna shark, mentre all’interno spiccano il nuovo cruscotto, i nuovi materiali per i rivestimenti ed i sedili, le guarnizioni alle portiere più corpose, e tanti altri dettagli, fra cui il nuovo sistema audio BOSE con otto altoparlanti e il volante con sezione inferiore piatta.

Per i motori si parte dal noto cavallo di battaglia del Gruppo Renault-Nissan, vale a dire il 1.5 dCi da 110 CV, con emissioni di CO2 di soli 99 g/km e un consumo di soli 3,8 litri/100 km, leader nel segmento, per passare al 1.6 sempre diesel da 130 CV con trazione 2WD (anche con cambio CVT) o 4WD, mentre anche i propulsori a benzina sono due: il 1.2 Dig-t con 115 CV (anche con cambio CVT) o il 1.6 con 163. Come detto i prezzi non sono ancora disponibili, ma le versioni sì: infatti alle conosciute Visia, Acenta, Business, N-Connecta e Tekna, si aggiunge ora la nuova Tekna+, con tutte le dotazioni e gli allestimenti di serie. 

In occasione del lancio della nuova Qashqai è stato anche presentata la nuova versione del Nissan X-Trail, “il SUV più venduto al mondo”, praticamente il fratello grande della Qashqai, nato nel 2000 e giunto già nel 2014 alla sua terza generazione. Un mezzo venduto nel mondo sino ad oggi in 3,7 milioni di esemplari, dei quali più di 500 mila in Europa. Anche questo modello può vantare un nuovo design che trasmette imponenza e robustezza soprattutto nella vista frontale e nuovi interni di qualità migliorata che donano ai passeggeri un comfort complessivo di grande livello.

Disponibile anche in 4 nuovi colori, e dotato di tecnologia di ultima generazione, l’X-Trail sarà disponibile con una motorizzazione a benzina (1.6 da 163 cavalli) e due diesel: il 1.6 dCi da 130 CV e il 2.0 dCi da 177 cavalli, quest’ultimo anche in versione con cambio CVT e a 4 ruote motrici. Anche sull’X-Trail, disponibile nelle concessionarie dal prossimo mese di ottobre, il sistema di assistenza alla guida ProPilot sarà ottenibile a metà del 2018.