LONDRA. Jaguar fa le cose per tempo: così, per l’allargamento della famiglia dei Suv che portano il simbolo del Giaguaro sul cofano, ha presentato con sette mesi d’anticipo rispetto alla commercializzazione il nuovo suv compatto E-Pace. Se l’F-Pace, lungo 4,73 metri, è stato il primo Sport Utility della storia della Casa di Coventry, l’E-Pace che ha avuto il suo vernissage londinese presso il Royal Victoria Dock, ne rappresenta l’alternativa più compatta: è lungo 4,39 metri (34 cm in meno), largo 1,98 e alto 1,64, con un passo di 2,68 metri. Gli spazi interni sono leggermente ridotti e il bagagliaio è meno capace rispetto all’F-Pace: 577 litri contro 650.

Più gradevole e, soprattutto, più proporzionato nelle forme rispetto all’F-Pace, come per tutti i Suv Jaguar usciti dalla matita di Ian Callum il nuovo arrivato è accattivante nella sua eleganza e, al contempo, sportivo. I fari, a Led e molto sottili posteriormente, richiamano quelli del coupé F-Type, le prese d’aria e il cofano sono più aggressivi rispetto a quelli dell’F-Pace, la linea di cintura si alza nella zona del montante e la carrozzeria appare più muscolosa, grazie anche ai cerchi da 21”.

L’E-Pace va a inserirsi in una fascia di mercato occupata dalla “cugina” Evoque (lunga 4,37 metri) e dal tris tedesco Audi Q3 (4,39), BMW X1 (4,44) e Mercedes GLA (4,42). Sarà seguito, a metà 2018, dall’I-Pace. Ovvero dal terzo modello della famiglia dei Suv inglesi, totalmente elettrico, e per questo contrassegnato dalla lettera “I”, la griffe scelta a Coventry per tutti i futuri modelli a batteria.

Sul versante dei motori troveremo unità a benzina e turbodiesel della famiglia Ingenium: si va dal quattro cilindri turbo-benzina 2.0 nelle varianti da 250 e 300 cavalli, abbinabili al solo cambio automatico a nove marce e alla trazione integrale AWD, al turbodiesel sempre di 2 litri con tre livelli di potenza: 150, 180 e 240 cavalli.

Per affrontare l’off-road, seppur non estremo, non manca il conosciuto sistema di trazione integrale della Jaguar, concettualmente lo stesso dell’F-Pace, coadiuvato dal Torque Vectoring che ripartisce la coppia motrice tra le singole ruote, dall’Adaptive Dynamics che regola lo smorzamento degli ammortizzatori in funzione del percorso e dal Configurable Dynamics che modifica i settaggi di motore, cambio e sterzo. Ricca la dotazione anche sul versante sicurezza: si va dall’avviso cambio corsia al Blind Spot Assist che “sorveglia” l’angolo cieco, dal Park Assist al sistema che rileva la stanchezza del guidatore.

Realizzato su un pianale e un telaio tutti in alluminio, l’E-Pace sarà proposto, agli inizi del prossimo anno, in una versione d’attacco First Edition disponibile con la sola trazione integrale a un prezzo base di 36.800 euro