Lamborghini Terzo Millennio, la supercar del futuro concepita col MIT, il Massachusetts Institute of Technology, e presentata a Boston, lascia davvero a bocca aperta. Una sportivissima auto elettrica, con i motori nelle ruote e un segreto per avere la batteria di efficienza mai vista.

Una visione del futuro prossimo. Al momento non fattibile, ma verosimile. Così la introduce Lamborghini. "Pionieristica e innovativa per tradizione, Automobili Lamborghini guarda al futuro con un approccio visionario, portando all’estremo i valori del suo stesso DNA. Lamborghini detta i requisiti del terzo millennio in materia di risparmio energetico e materiali innovativi, in modo da delineare il suo percorso all’interno del segmento delle supersportive elettriche e garantire un’esperienza di guida assoluta e ricca di emozioni".

E ancora. "Lamborghini Terzo Millennio si fonda su quattro pilastri.
energia, innovazione sul fronte dei materiali, architettura di vettura e gruppo di propulsione, suono ed emozione".

Ecco la novità. Motori elettrici anziché a benzina. Ma le batterie odierne non sono sufficienti. A Sant'Agata Bolognese prefigurano un "enorme passo in avanti". Lamborghini vuole sviluppare un supercondensatore innovativo che sia in grado di colmare, in termini di densità energetica, il divario esistente con le batterie convenzionali. Per garantire una densità di potenza straordinaria.

Ovviamente la riduzione del peso con le batterie in gioco, sarà fondamentale. Viene prospettato l’utilizzo di materiali compositi strutturali per l’accumulo di energia elettrica come batteria ricaricabile. Lo scopo è quello di perfezionare la tecnologia dei nanomateriali, diffondendo nanocariche nei pannelli in CFK in grado di immagazzinare l’energia elettrica e, allo stesso tempo, comporre la carrozzeria e i componenti della vettura.

La terzo Millennio avrà anche l'auto diagnosi. E' allo studio la tecnologia per ottenere un monitoraggio continuo dell’intera struttura in fibra di carbonio visibile e non visibile, usando un sistema di monitoraggio delle condizioni della vettura. Questo per limitare, o azzerare, i rischi legati alla presenza e alla diffusione delle crepe nella struttura in fibra di carbonio.

La coppia sarà generata direttamente sulle ruote. Lasciando la carrozzeria della vettura libera di essere modellata secondo le esigenze di progettazione e di aerodinamica. La sfida consiste nel creare una tecnologia che permetta di aumentare la densità di potenza del motore elettrico posizionato all’interno delle ruote. E di mantenere sotto controllo il peso delle masse non sospese.

Infine il sound. Come si farà senza il V12? "L’adozione di un sistema a propulsione elettrica richiede una nuova definizione del suono che possa sostituire quello dell'attuale V12. È necessaria un’indagine approfondita che permetta di valutare i vantaggi derivanti dal nuovo gruppo di propulsione. E che non tralasci nessuna opportunità in grado di generare il suono della Terzo Millennio"

Parecchia carne al fuoco. La strada ancora lunga, ma la Lamborghini Terzo Millennio è certamente emozionante.