Sulla sabbia ma ormai fuori dalla nebbia. Finalmente Lamborghini rompe gli indugi e pubblica le prime immagini in movimento della nuova Urus, quello che per le sue doti di sportività oltre qualsiasi categoria la casa di Sant'Agata Bolognese battezza Ssuv, ovvero Super Suv.

Trentuno secondi di immagini che lasciano poco all'immaginazione, con la nuova Urus con una mascheratura ormai ridotta al minimo e alle prese con un percorso in pieno deserto, sfruttando un controllo di trazione con una inedita modalità sabbia.

Per il debutto ufficiale, l'appuntamento resta fissato per il 4 dicembre a Sant’Agata Bolognese, data che segna una ulteriore accelerazione del percorso della Lamborghini, destinata attraverso questa vettura a raddoppiare la propria produzione ed entrare clamorosamente nel segmento della auto ibride. Nel 2018 saranno consegnate 1.000 Urus, ma il regime previsto dal 2019 è di 3.500 esemplari.

Oltre la scontata presenza della trazione integrale più evoluta dell'inter gruppo Volkswagen, Urus adotterà un propulsore da 650 Cv con architettura V8 biturbo, con la novità della sovralimentazione giustificata dalla casa dalla necessità di maggiore coppia in basso rispetto alle sportive Huracán e Aventador. Altro inedito storico per Lamborghini, la previsione confermata dalla casa di una versione Urus con motorizzazione ibrida plug in.

Domenicali: "Con il Suv Lamborghini diventa adulta"