Il mondo delle hypercar non dorme mai. S'è destata anche la Shelby SuperCars, autrice della SSC Aero che qualche anno fa rivaleggiava con la Bugatti Veyron. Ora c'è la Chiron e il costruttore nordamericano torna in ballo.

Annunciando con un teaser la Tuatara: in verità questo nome (da un rettile neozelandese) era già stato usato sette anni fa per un prototipo uscito dalla matita di Jason Castriota, già designer per Pininfarina (con Maserati GranTurismo, la Ferrari 599 GTB Fiorano) e Bertone.

Il ritorno. L'aggiornamento estetico si intuisce dai fari, decisamente meno spigolosi rispetto a quelli della concept del 2011. Nulla è trapelato sul motore, che nella prima versione era un otto cilindri a V di 6.8 litri capace di erogare 1.350 cavalli.

Ovviamente nella versione attuale è atteso a superare i 1500 cv della Chiron. Ma ci potrebbe essere anche una variante elettrica, d'altronde l'attuale rivale della Bugatti è la Koenigsegg Agera RS alimentata a batterie.