La mini Jeep si farà, lo ha confermato Mike Manley, il CEO del Marchio. Il dirigente ad Autocar ha avvalorato i rumors più recenti. Si tratta di un modello nodale per dare a Jeep quei numeri che Marchionne ha pronosticato al Salone di Ginevra: per diventare più importante di Fiat.

La baby Jeep quasi certamente sarà però figlia di una Fiat. La Panda, regina storica del 4x4 nostrano. L’annuncio sarà dato il 1° Giugno, quando saranno rivelati i piani fino al 2022 di Fiat Chrylser Automobiles in quel di Balocco.

Manley ha detto. “Un’auto più piccola di Renegade ci interessa molto. Stiamo vagliando molto attentamente questo progetto. Abbiamo valutato che in Europa le preferenze si stanno orientando verso SUV compatti. Propensione che anche il mercato dell’America Latina potrebbe confermare ”.

La baby Jeep nascerà per questi due mercati. Non sarà affare per il Nord America e la Cina, mondi troppo lontani da questo tipo di modelli. Se Renegade e 500X sono nate di fatto gemelle, la piccola Jeep deriverà da Panda 4x4. E anch’essa, come il B-SUV americano potrebbe essere prodotta in Italia. Non a Melfi, come Renegade, magari proprio nella casa di Panda, a Pomigliano d’Arco.