Citroen C5 Aircross completa la triade dei SUV di taglia media di PSA, dopo la sportiveggiante Peugeot 3008 e l'esclusiva DS7 Crossback. Piattaforma in comune, ma vocazione diversa.

L’abbiamo vista, toccata e brevemente provata in occasione della prima europea (è già in commercio in Cina) a Parigi. Arriverà in concessionario a fine 2018, per un passaggio epocale. Dalla monovolume, alias C4 Picasso, il testimone di portabandiera della gamma, passa allo sport utility.

Per forma e sostanza C5 Aircross mostra ambizioni importanti. Intende ribadire il primato del comfort del Marchio, abbinato a una personalizzazione, un design e una dotazione tecnica di livello.

Lunga 4,5 metri esatti, si mostra ben proporzionata. Molto fedele look frontale più recente, e indovinato, di Citroen, con lo sguardo dei gruppi ottici a led sdoppiati. Più originale il posteriore, sobrio ma non certo banale. L’impatto estetico complessivo è gradevole. Può essere esaltato dalle 30 le combinazioni di colori disponibili per gli esterni.

C5 Aircross punta a fare la differenza nell’abitacolo. Se il primo impatto, per livello di qualità percepita, è un gradino sotto alle 3008 (accreditata fin dall’inizio di ambizioni premium) il grande vantaggio sta negli interni modulabili. Le tre sedute posteriori sono individuali, scorrevoli (fino a 15 centimetri) e reclinabili (da 19° a 26,5°). Non solo, l bagagliaio ha una capacità minima di 580 litri, eccellente per la categoria. Ma facendo scorrere la seconda fila si può arrivare a 720 litri con cinque persone bordo. Altro plus, i sedili Advanced Comfort, dotati di una imbottitura che beneficia di una schiuma ad alta densità.

Il tantra rimane la comodità. Per la marcia C5 Aircross propone gli smorzatori idraulici progressivi (Progressive Hydraulic Cushions) la versione contemporanea della sensazione di viaggiare molleggiati su un “tappeto volante”, vanto di tante Citroen. A disposizione ci sono ben venti sistemi di auto alla guida (ADAS). Il Grip Control e l'altezza da terra di 23 centimetri le permettono di affrontare l'offroad leggero.

La plancia orizzontale, è di facile consultazione. I modelli della premiere parigina erano tutti di un display digitale da 12,3’’ e un Touch Pad da 8’’ con schermo capacitivo.

Motori:, l’ibrido nel 2020. Cinque motori per C5 Aircross: benzina da 130 e 180 cavalli, il secondo anche con cambio manuale a otto marce. Diesel da 130 cavalli, manuale e automatico, e da 180 cv solo automatico. La trazione abbinata ai motori termici sarà solo anteriore. L’integrale arriverà nel 2020, abbinata alla versione plug-in hybrid.