Nuova Range Rover Evoque debutta a Londra ma strizza subito l’occhio a un pubblico planetario. In fondo, la prima generazione ha venduto

"Dal suo lancio, nel 2010, la Range Rover Evoque ha trasformato il mondo dei SUV compatti, e ora il nuovo modello è pronto a proseguire quell'inimitabile percorso” ha commentato il capo del design Gerry McGovern, il papà di Evoque. “La nuova Evoque ha tutta la raffinatezza, il carattere, il brio, in grado di suscitare forte interesse e potenti emozioni."

 

Le novità comprendono la tecnologia "Ground View" (che rende il cofano "invisibile” mostrando il terreno a 180°) e lo specchio retrovisore virtuale che si trasforma in schermo HD dove vengono proiettate le immagini riprese da una videocamera montata posteriormente. Si trova sulla "pinna" dell'antenna, raddoppia la visuale posteriore.

Per consentire di far salire a bordo i sistemi ibridi plug-in e mild hybrid a 48V (è la prima volta per Land Rover), oltre ai 3 o 4 cilindri Ingenium benzina e Diesel con potenze fra 150 e 300cv, sotto la carrozzeria trova posto una vera e propria rivoluzione tecnica e ingegneristica; l'architettura è talmente nuova che ha lasciato invariate, di fatto, solo le cerniere delle porte. L’elettronica ha fatto un salto evolutivo, così Evoque diventa ancora più intelligente. E gentile. Il tessuto scamosciato utilizzato per i rivestimenti del veicolo infatti è prodotto con microfibre di poliestere riciclate, provenienti da oggetti come le bottiglie in plastica. In ogni veicolo viene utilizzato l’equivalente di 53 bottiglie in plastica e, la casa di moda britannica Mulberry, ha reinventato un utilizzo del materiale sostenibile Eucalyptus degli interni Evoque trasformandolo in una collezione concept di lussuose borse da viaggio ispirate al SUV.

In Italia, già da questo momento è possibile ordinare la nuova Range Rover Evoque con prezzi a partire da Euro 44.500 per la versione da 150 CV, 4 ruote motrici, cambio automatico. La versione 2 ruote motrici non sarà disponibile al lancio.