Più che un restyling, Mercedes GLC Coupé introduce un upgrade. Aggiornamento che interessa sì lo stile, ma in modo assolutamente marginale. È il SUV-coupé medio di sempre, solo affinato nei dettagli: della calandra, dei paraurti, della grafica delle luci, di serie i fari a led.

L’upgrade, i progressi tecnici, indicano gli sviluppi importanti prodotti sulle motorizzazioni benzina e Diesel, le sospensioni a controllo continuo, gli automatismi che migliorano la sicurezza di marcia. Questi ultimi si riassumono nel dispositivo che evita le collisioni frontali con veicoli che procedono in senso opposto, intervenendo autonomamente sui freni.

Altro, molto di più, è possibile dall’operato del controllo attivo della velocità e distanza Distronic e dell’assistente sul volante. Sono le evoluzioni già integrate e presentate su Mercedes GLC a Ginevra, come il rallentamento automatico in presenza di una coda in autostrada, oppure, l’adeguamento della velocità in presenza di incroci, in prossimità delle curve e di rotonde.

INFOTAINMENT, DAL TOUCHPAD ALLE GESTURES

A bordo, dopo aver debuttato sull’ammiraglia Classe S, arriva anche sul SUV-coupé il volante con i tasti touch sulle razze, uno dei “modi” con i quali controllare l’infotainment MBUX. Due opzioni di touchscreen, 7 o 10,25 pollici, sul quale operare direttamente o mediante il touchpad posto sul tunnel, altra novità.

Il miglioramento dell’User Experience Mercedes è completa dei comandi vocali con l'assistente "Hey Mercedes" e delle gestures portate al debutto da nuova CLA. Gestures con Interior Assist, pacchetto proposto tra gli optional. La strumentazione virtuale da 12,3 pollici e la soluzione Energizing Comfort Control completano le novità all’interno di GLC Coupé restyling 2019.

Mercedes GLC, arriva il restyling 2019 a Ginevra

Energizing Comfort Control, programma personalizzato – anche in funzione del tragitto – con diversi profili comprensivi di massaggio, riscaldamento dei sedili, musica e luci d’ambiente, mirati a ridurre lo stress in viaggio.

MOTORI, BENZINA ELETTRIFICATI E DIESEL RDE

Dove il restyling di GLC Coupé produce un netto balzo in avanti è al capitolo motori. Tutti 2 litri, benzina e Diesel. Potenze comprese tra i 163 e i 258 cavalli, con le prime versioni disponibili al lancio.

L’elettrificazione del sistema EQ Boost a 48 volt sui benzina; un Diesel ultra-efficiente e pulito, con catalizzatori (a ossidazione e di tipo SCR) e filtro del particolato montati direttamente sul propulsore, ai quali sommare un dispositivo SCR sullo scarico. 

GLC Coupé 200 4Matic sviluppa 197 cavalli e 320 Nm, ai quali sommare il plus dell’alternatore-starter a cinghia, da 10 kW e 150 Nm. Valori che ritroviamo abbinati al 2 litri GLC Coupé 300 4Matic, da 258 cavalli e 370 Nm. Tre alternative al capitolo Diesel. GLC Coupé 200d 4Matic da 163 cavalli e 360 Nm – versione più parca tra tutte, con 5.2 litri/100 km di consumo nel misto – e seguita dalla versione 220d 4Matic, da 194 cavalli e 400 Nm, fino a giungere al vertice di 300d 4Matic, con 245 cavalli e 500 Nm.

SOSPENSIONI, CONTROLLO TOTALE E ADATTIVO

Il comparto sospensioni, alla specifica di serie con regolazione della rigidità in funzione delle diverse modalità di guida, offre due ulteriori proposte, optional. Il Dynamic Body Control è un sistema di tipo adattivo, a regolazione continua, per singolo elemento. Rende possibile variare la risposta, in modo indipendente, di ciascun ammortizzatore.

La specializzazione superiore è nell’Air Body Control, che allo schema molla-ammortizzatore sostituisce elementi pneumatici a tre camere per controllare la dinamica del veicolo.

Nonostante le forme sportiveggianti del SUV-coupé, che non t'aspetteresti di trovare completo di rimorchio al seguito, come su GLC è disponibile il sistema Trailer Manoeuvering Assist. Si rivela un assistente alle manovre in retromarcia. Grazie ai sensori installati sulla testa del gancio, l’elettronica gestisce le operazioni rilevando angoli del veicolo e del rimorchio per semplificare le operazioni.