Colori vivaci e tetto in contrasto con la carrozzeria, un muso aggressivo con i fari sottili a contraddistinguere la calandra, gli air bump sulle fiancate di derivazione Cactus, un look più sbarazzino per conquistare una clientela più giovanile. E alcuni dispositivi tecnologici curiosi e inediti, come la ConnectedCAM, la telecamerina puntata verso l’esterno per fare foto o video, che magari piaceranno ai millenial ma possono anche rivelarsi utili per la sicurezza. Lanciata a fine 2016, ha avuto subito un buon successo nel nostro paese anche in virtù di un prezzo davvero aggressivo (12.250 euro per il 1.2 benzina) ma soprattutto quel che ha sorpreso la Citroën è che la maggior parte delle nuove C3 sono state acquistate nelle configurazioni più ricche e accessoriate, segno che la macchina piace e la gente investe denaro per personalizzarla con optional a pagamento.

La C3 garantisce l’imbarazzo della scelta all’acquirente: nove tinte diverse, che vanno dal rosso aragosta, al verde acqua, all’azzuro) che si combinano con i tre colori per il tetto (bianco, rosso o nero) per un totale di 36 combinazioni diverse

Tra i vari motori a benzina la scelta obbligata è il tre cilindri Puretech di 1,2 litri a benzina. Declinato in varie potenze: da 68 e 82 cavalli aspirato, oppure turbocompresso da 110 cavalli. Per i diesel, la scelta è fra il BlueHDi da 75 o 110 cv (1,6 litri).

Con i suoi 399,6 centimetri rientra nella classica misura delle utilitarie da quattro metri. In queste dimensioni riesce a risultare spaziosissima. Grazie al design moderno di sedili, rivestimenti, porte e plancia, i designer sono riusciti a guadagnare fino all’ultimo millimetro del volume dell’abitacolo per fare stare comodi gli occupanti. Davanti per esempio ci sono 20 mm in più di larghezza all’altezza delle spalle rispetto al vecchio modello.

Tutto nuovo il comparto multimediale, con un display centrale da 7” che domina la plancia, con icone e grafica di nuovo design. Ora lo schermo è di tipo capacitivo (funziona cioè a contatto del polpastrello come gli iPhone) invece che resistivo (a pressione) come sulla Cactus.

Uno dei punti di forza della C3 è l’aver introdotto nelle utilitarie popolari certe tecnologie di sicurezza finora riservate ad auto di classe superiore. Fra cui il sensore di angolo cieco nel retrovisore (blind spot monitor) utile quando si subisce un sorpasso in autostrada. E poi l’avvisatore di cambio corsia, che emette un allarme sonoro se si supera la linea che divide le carreggiate, ma senza vibrazione sul volante. I prezzi vanno dai 12.250 del modello di lancio (1.2 aspirato benzina da 68 cv) fino ai 18.500 del 110 cv con cambio automatico. Il primo diesel in listino costa 15.000 euro, ed è il Blud Hdi da 75 cv manuale. Tre i livelli di allestimento: Live, Feel e Shine.

I NOSTRI RILEVAMENTI

CITROËN C3 PURETECH 110 CV

VELOCITÀ MASSIMA 187,2 km/h

ACCELERAZIONE 0-100 KM/H 9”32

FRENATA DA 100 KM/H A 0 34,3 m

CONSUMO IN CITTÀ 13,812 km/l

CONSUMO IN AUTOSTRADA 13,324 km/l


SCHEDA VETTURA

CITROËN C3

LUNGHEZZA/LARGHEZZA/ALTEZZA

400 cm/175 cm/147 cm

MOTORI – BENZINA:

1.2 PureTech 68 cv; 1.2 PureTech 82 cv; 1.2 PureTech Turbo 110 cv; 1.2 PureTech GPL 82 cv

MOTORI – DIESEL

1.6 BlueHDI 75 cv; 1.6 BlueHDI 100 CV

TRASMISSIONI

manuale a 6 marce; automatico a 6 marce; trazione anteriore

ALLESTIMENTI & PREZZI

Live: Airbag frontali, laterali e a tendina, Coffee Break Alert, fissaggi Isofix, chiusura centralizzata, alzacristalli elettrici anteriori, decoro plancia Lama, conchiglie dei retrovisori nero opaco. Da 12.250 euro (PureTech 68 cv)

Feel: Led diurni, climatizzatore manuale, radio MP3 con Bluetooth, volante con decori “satin”, decoro plancia Nero Brillante, retrovisori riscaldabili e regolabili elettricamente. Da 13.500 euro (PureTech 68 cv)

Shine: Touch Pad 7”, copricerchi da 16”, Airbump, tergicristallo automatico con sensore pioggia, accensione automatica dei fari + funzione follow me Home, climatizzatore automatico, fari fendinebbia. Da 15.500 euro (PureTech 82 cv)