Il 5 marzo, alla vigilia dell'88° Geneva International Motor Show, si elegge l'Auto dell'Anno 2018, premio di cui il nostro magazine è organizzatore italiano. Alberto Sabbatini ha provato le sette finaliste sul proving ground di Balocco, compresa la quarta generazione di ammiraglia Audi, che introduce nuovi punti di riferimento in fatto di lusso e tecnologia.

Primo modello del marchio ad adottare le nuove denominazioni del marchio, è disponibile in versione 50 TDI con motore V6 turbo-diesel da 286 cv e 55 TFSI con V6 turbo-benzina da 340 cv. Predisposta per la guida assistita di livello 3, introduce sistemi inediti anche in fatto di infotainment: a bordo scompaiono gran parte di tasti e pulsanti grazie all’innovativo display touch con feedback tattile. L’abitacolo è da business class: i sedili posteriori offrono diversi tipi di massaggi, per godere appieno del sound tridimensionale dell’impianto audio Bang & Olufsen. Tutte le funzioni sono controllabili attraverso un tablet posto sulla consolle centrale, compresa la scenografica illuminazione Led.

Sebastiano Salvetti di Audi Italia ci spiega perché nuova A8 meriterebbe di essere la nuova Auto dell'Anno.