Jaguar Land Rover utilizza energia elettrica solo da fonti rinnovabili. In un'ottica di un futuro sempre più virtuoso, almeno dal punto di vista ambientale, JLR ha firmato un accordo con EDF Energy per la fornitura da fonti rinnovabili fino al marzo 2020 di tutta energia elettrica necessaria alle proprie attività.

La fornitura di energia è garantita dalla REGO (Renewable Energy Guarantees of Origin) il che significa che una parte dell’energia rinnovabile prodotta da EDF Energy è riservata esclusivamente a Jaguar Land Rover. Lo schema REGO certifica la quota di fornitura derivante da fonte rinnovabile. Il 100%, nel caso di Jaguar Land Rover. Il programma di acquisti rinnovabili Jaguar Land Rover opera  nell’ambito di un più vasto contesto di sostenibilità.

Ecco il rapporto societario sulla sostenibilità con i risultati conseguiti

Il 32% di riduzione media delle emissioni allo scarico di CO2 da parte delle flotte europee (2015 in confronto al 2007). Oltre il 38% di riduzione dell’energia per veicolo prodotto, rispetto al 2007 (produzione in UK).
Per la ricerca e lo sviluppo della propulsione elettrica, ibrida e convenzionale sono stati investiti oltre 3 miliardi di sterline in tecnologia, design, ingegnerizzazione e produzione.

In un solo anno (dato ad ad aprile 2016) sono state recuperate più di 50.000 tonnellate di scarti d’alluminio. Sufficienti per 200.000 scocche Jaguar XE. Riciclando questo alluminio l’immissione nell’atmosfera di CO2 è stata ridotta di oltre mezzo milione di tonnellate di CO2.

I nuovi edifici sono stati progettati secondo gli standard più elevati, come la qualifica “Eccellente” del BREEAM (Building Research Establishment). Il BREEAM incita i progettisti a focalizzarsi sulla riduzione delle emissioni carboniose minimizzando il bisogno energetico degli edifici.  Prima ancora di dedicarsi all’efficienza energetica ed alle tecnologie a basso contenuto di carbonio.