L'Italia è il primo mercato europeo per le auto a metano. Il biometano è un carburante ecologico dall'alta efficienza e dal bassissimo impatto ambientale. Fiat è leader continentale per le auto a gas naturale. 

Per continuare nella promozione del Biometano, e per consolidare la propria leadership europea, FCA ha dunque deciso di lanciare il proprio "Tour de France" del biometano, per mostrare al pubblico francese la sua gamma articolata capace soddisfare ogni tipo di esigenza. Dopo il via a Mortagne-sur-Sèvre, sarà la volta di Saint Etienne, nella regione della Loira, di Vallée de l'Arve in Savoia e di Strasburgo, in Alsazia, prima della conclusione a Parigi. Ogni tappa sarà l'occasione per un approfondimento sul tema e per conoscere da vicino strutture e servizi legati a questa alimentazione alternativa. 

Da oltre 20 anni, FCA non ha rivali nella vendita di auto a doppia alimentazione benzina/metano. Avendo totalizzato con 720.000 immatricolazioni. Ora ha unauna gamma composta da sei modelli Fiat (Panda, Punto, Doblò, 500L,  500L Wagon e Qubo) e cinque Fiat Professional (Fiorino, Doblò Cargo, Ducato,  Ducato Panorama e Panda Van).

Perchè la Francia. Il mercato del metano transalpino è dotato del potenziale necessario a trasformarsi in una vera e propria fucina di "energia rinnovabile" grazie al biometano, un gas dalle concrete potenzialità: questo carburante, ottenuto tramite la purificazione di rifiuti domestici o agricoli, può essere utilizzato alla stregua di un biocarburante.

 

I vantaggi del biometano divengono ancora più evidenti a seguito di un'analisi del ciclo completo, noto anche come "well-to-wheel" (dal pozzo alla ruota), dalla quale emerge una concreta riduzione delle emissioni di CO2, e risultati ragguardevoli anche considerando un mix metano/biometano.
Nel caso di utilizzo di biometano, le emissioni di CO2 possono essere paragonate a quelle dei veicoli elettrici alimentati con energia proveniente da fonti rinnovabili.