Un nuovo progetto per un testimonial d'eccezione. Abbandonata l'atletica leggera dopo aver riscritto la storia dei 100 e dei 200 metri piani (oltre che della staffetta 4x100) a suon di record e medaglie olimpiche, Usain Bolt è diventato un imprenditore nel settore delle auto elettriche e della mobilità a zero emissioni.

L'atleta giamaicano, grande appassionato di motori, si è lanciato nella mobilità del futuro con la sua azienda automotive: la Bolt Mobility, con sede in Florida. Una scelta da vero esperto della velocità, visto che Bolt ha una collezione di supercar ed è stato in passato testimonial per una versione speciale della Nissan GTR.

Così al VivaTech 2019, in corso a Parigi, la Bolt Mobility ha presentato un nuovo veicolo: la B-Nano, un quadriciclo leggero elettrico destinato al car sharing. La microvettura elettrica si presenta con linee aggressive e cerchi in lega. Mentre all’esterno è caratterizzata dal contrasto dei colori nero e giallo, e può ospitare due passeggeri. 

B-Nano, la microvettura con batterie intercambiabili 

La B-Nano avrà un'autonomia appena sufficiente a percorrere brevi tratti urbani. Il pacco batterie del veicolo, infatti, consente un massimo di 15 miglia, ovvero 24,1 chilometri. Proprio le batterie rappresentano la principale innovazione di B-Nano. Una volta esaurite, infatti, si potranno cambiare in corsa con altre già cariche, in modo da azzerare i tempi di attesa di ricarica. 

Citroen 19_19 Concept racconta il comfort elettrico del futuro

Destinata prevalentemente al car sharing, la B-Nano sarà disponibile anche per l'uso privato. Negli Usa arriverà nel mercato dal 2021 ad un pezzo di vendita di 9,999 dollari (all'incirca 8,960 euro) con acconto al pre ordine di 999 dollari. La B-Nano va ad aggiungersi a un'altra proposta della Bolt Mobility, il monopattino B-Chariot, ideale per percorrere piccoli tragitti, che entrerà in commercio entro il prossimo anno, con un'autonomia di percorrenza di 2 chilometri. 

Auto: sì sharing, ma gli italiani la preferiscono di proprietà