Per liberare il massimo potenziale dell’elettrico, è imprescindibile dotarsi di una piattaforma dedicata. Mercedes lo farà con l’introduzione dell’ammiraglia EQS, attesa nel 2021. Un anno più tardi, sarà Mercedes EQE a beneficiare di una progettazione “nativa” per l’elettrico. 

Sigla, EQE, che si affaccia inedita nel programma di espansione EQ, dopo il lancio del suv EQC e le tappe già in calendario di EQA, EQB e EQV, rispettivamente berlina compatta, suv compatto e van.

NATIVA ELETTRICA

Poter contare su un’architettura modulare specifica consente di sfruttare al meglio il rapporto tra dimensioni esterne e spazio offerto a bordo, esplorare rapporti passo-lunghezza inediti. Non è un mistero come il potenziale valga “un segmento”, ovvero, poter sfoggiare una taglia in meno rispetto alla disponibilità di spazio destinato ai passeggeri.

Mercedes EQE, come riporta Autocar, vedrà la luce nel 2022. Riprenderà i contenuti che porterà su strada la prossima generazione di Mercedes Classe S, anzitutto l’assistenza avanzata alla guida, con il debutto dell’automazione di Livello 3, altri ancora arriveranno dal concept Mercedes ESF.

RUOLO DA CLASSE E

Il brand EQ ha scelto la logica strada della corrispondenza tra modelli termici ed elettrici quanto a denominazione e posizionamento sul mercato: A, B, C, E, S, V, sono le “Classe” equivalenti. EQE avrà compiti da Classe E (in foto), rispetto alla quale sarà più corta sebbene andrà a sfiorare l’abitabilità di una Classe S.

Nuova Classe S cambia con ibrido e guida autonoma

Il target sarà in quel che oggi offre Tesla Model S, mentre un posizionamento parzialmente diverso dovrebbero averlo BMW i4 e Audi e-tron GT.

EQE adotterà uno schema propulsivo con due motori, per potenze superiori ai 400 cavalli. Da una grande berlina ti aspetti possa coprire elevate percorrenze, dato sul quale l’obiettivo è di raggiungere i 600 km di autonomia per singola carica, da un pacco batterie agli ioni di litio.

EQC, iPace, e-tron: suv elettrici a confronto

Tecnologia destinata ancora a rappresentare la scelta privilegiata dai costruttori, per il progressivo calo del costo dei pacchi batterie e il contemporaneo incremento della capacità.