Presentato nel 2018, Volvo Vera, l’autotrasportatore elettrico a guida autonoma debutta su strada. Lo farà in casa, in Svezia, con funzioni di spostamento merci e container da un centro logistico della compagnia di navigazione DFDS a un terminale APM nel porto di Goteborg. Si tratta di un primo, importante, passo verso un’ulteriore implementazione del mezzo in termini di tecnologia e operatività con possibilità di utilizzo in altre aree industriali o strade pubbliche per trasporti a brevi distanze.

Volvo Vera, caratteristiche e funzioni 

Volvo Vera ha un design esterno che somiglia molto a quello di un’auto sportiva. Privo di cabina, il mezzo si caratterizza per un sistema di guida senza pilota in quanto l’infrastruttura tecnologica di cui è dotato gli consente di geolocalizzare la propria posizione con precisione millimetrica su un percorso predefinito, adattando il proprio movimento alla presenza di ostacoli e altri utenti della strada. Nei suoi spostamenti, l’autotrasportatore  è controllato e monitorato da un addetto responsabile delle operazioni di trasporto tramite un sistema cloud based in grado di supportare la guida autonoma qualora dovessero rendersi necessarie modifiche al percorso impostato o altre operazioni di assistenza.  

Volvo, guida autonoma avanzata sulle SPA2 del prossimo decennio

Volvo Vera funziona a bassa velocità con limite di 40km/h, per garantire la massima sicurezza imprescindibile per un veicolo a guida autonoma, caratterizzato, peraltro, da un basso livello di rumorosità  e zero emissioni, aspetti quest’ultimi che depongono a favore di un suo utilizzo in contesti industriali (porti o  centri logistici) nei quali l’impatto ambientale da inquinamento è molto elevato. 

Le dichiarazioni di Mikael Karlsson 

Mikael Karlsson, vicepresidente  soluzioni autonome di Volvo Trucks, ha presentato così il debutto di Volvo Vera con il partner DFDS: "I trasporti autonomi con bassi livelli di rumore e zero emissioni di scarico hanno un ruolo importante nel futuro della logistica e andranno a vantaggio sia delle imprese sia della società. L’obiettivo è quello di realizzare un sistema collegato composto da diversi veicoli Vera monitorati da una torre di controllo in modo da  consentire un flusso continuo e costante che risponda alle esigenze di maggiore efficienza, flessibilità e sostenibilità. Consideriamo la  collaborazione con DFDS un inizio importante e vogliamo guidare i progressi in questo settore."