Potrebbe essere qualcosa in più di un esercizio tecnico, una dimostrazione del sistema eDrive di quinta generazione, quella prodotta da BMW Serie 5.

Mentre la grande berlina tedesca è in fase di sviluppo, per un restyling atteso a metà del 2020, emergono indiscrezioni che vorrebbero, con la futura generazione, l’offerta di una variante elettrica a batterie. È quanto riporta BMWBlog.

Il restyling di metà ciclo vitale dell’attuale serie G30 introdurrà sviluppi stilistici sul frontale, il sistema operativo BMW OS 7.0 sul fronte infotainment e, non meno importante, una motorizzazione ibrida plug-in con l’abbinata elettrico-termico introdotta da Serie 7, ovvero, un sistema con motore 3 litri turbo benzina, declinato in un livello di potenza inferiore su Serie 5 rispetto ai 394 cavalli dell’ammiraglia.

Tre anni più tardi dovrebbe essere il tempo dell’ottava generazione di Serie 5, un orizzonte entro il quale BMW presenterà due modelli inediti della propria offerta elettrica: BMW i4 e BMW iNext. Entrambi con motogeneratori di quinta generazione, uno schema composto da tre unità nell'anticipazione offerta sul prototipo Serie 5 BEV, nella configurazione quattro ruote motrici. 

iNext, volante in sinergia con la guida autonoma

La proposta elettrica di Serie 5 andrebbe ad affiancare la gamma classica di versioni elettrificate, grazie alla versatilità dell’architettura CLAR, in grado di ospitare motori termici tradizionali, ibridi e motogeneratori elettrici.