Non è utopia immaginare un futuro prossimo nel quale le consegne degli acquisti online verranno recapitate direttamente all’interno dell’auto. Sfruttando le opportunità della gestione del veicolo da remoto si potrà concedere un’autorizzazione temporanea ad accedere al bagagliaio perché il corriere possa recapitare il pacco. E potrebbe avvenire con una rivoluzione nella classica catena dei trasporti su gomma a breve raggio, con il supporto dei droni.

Frontiera alla quale guarda, interessata, Mercedes. L’obiettivo è la riduzione dei tempi di consegna, eliminando in gran parte il fattore traffico. A Zurigo, il marchio di Stoccarda ha svolto una serie di prove sul campo, in collaborazione con Matternet, azienda produttrice di droni: 11 giorni di voli, utilizzando due droni e due Mercedes Vito, posizionati in zone prestabilite della città. Un centinaio di decolli dal deposito portati a termine, ovviamente il limite è nelle dimensioni e peso degli oggetti da elitrasportare.

Il progetto pilota prevedeva la consegna di oggetti acquistati online nella stessa giornata. Il raggio operativo dei droni è arrivato a 17 km, prima dell'atterraggio sul tetto del Mercedes Vito, van impiegato per la copertura dell’”ultimo miglio”. Ancora l’utilizzo di un veicolo per arrivare davanti alla porta del cliente.

Un abbinamento drone più veicolo elettrico spiega ancora meglio quale sia il potenziale in termini di riduzione dell’inquinamento.

«Siamo estremamente soddisfatti dei risultati del progetto pilota in Svizzera. L’obiettivo era di provare la tecnologia e il concetto di consegna in condizioni reali e scoprire dove fosse possibile intervenire per l’ottimizzazione. Volevamo anche scoprire le reazioni delle persone a questa nuova forma di trasporto. I risultati delle prove sono attualmente in fase di approfondita analisi, siamo convinti che il progetto si evolverà in fretta. Vediamo un gran potenziale per la nostra soluzione e vogliamo espanderla a più aree», ha spiegato Stefan Maurer, capo del progetto Future Transportation di Mercedes-Benz Vans.

Il passo successivo andrà nella direzione di un atterraggio del drone su veicoli posizionati in punti sempre diversi della città e non limitato a zone predefinite, come avvenuto a Zurigo. 

Mobilità alternativa, Uber e Airbus tentano la scalata al cielo