Come noto, dal 31 marzo il sistema automatico di chiamata di emergenza eCall diventerà obbligatorio in tutta l’Unione Europea. Dovrà quindi essere sempre presente nel veicolo un dispositivo di primo soccorso digitale che invii automaticamente una chiamata con richiesta di intervento in caso di incidente consentendo l’arrivo sul luogo in metà del tempo.

È Bosch ad occuparsi dello sviluppo di eCall, un servizio che parla perfettamente 16 lingue (Daimler lo sta già scegliendo) per essere disponibile in tutti i principali mercati internazionali ad evitare pericolosi problemi di comunicazione. “La connettività dei veicoli - ha spiegato il membro del Board di Bosch, Dirk Hoheisel - apre enormi possibilità e tramite il sistema automatico eCall i veicoli connessi diventeranno anche dispositivi salvavita”. Secondo studi dell’Unione Europea, eCall salverà 2.500 vite ogni anno e ridurrà del 15% il numero di persone che riportano lesioni gravi a seguito di un sinistro.