C'è la cura artigianale di Stefano Conticelli, ci sono materiali pregiati come pelle e mogano, c'è una personalizzazione più che mai originale e interessante, che evoca parzialmente il mondo dei motoscafi Riva. Nuova Fiat 500 C andrà all'asta, per uno scopo nobile: contribuire alla raccolta fondi del primo Defend Gala 2015, serata a difesa dei diritti umani, organizzata per supportare le attività europee dell'associazione "Robert F. Kennedy Human Rights". La serata di gala si terrà a Montecarlo e Fiat 500C farà parte di un lotto di 10 oggetti di culto, tra cui un'opera di Michelangelo Pistoletto e fotografie di Herry Benson. Ha la peculiarità di essere la prima 500 della nuova serie uscita dalla fabbrica. Carrozzeria cabrio e così è stata consegnata alle sapienti mani del maestro umbro Conticelli. L'ha impreziosita di elementi in pelle di vitello, generosamente sparsa sulla carrozzeria: dal frontale - intorno ai proiettori e alla calandra - al posteriore, a bordare i gruppi ottici, passando per un'ampia fascia alla base del parabrezza, che si estende lungo la fiancata. Tutti i ritagli in pelle sono evidenziati da contorni color turchese. Pregiato anche il rivestimento in mogano impiegato sulle calotte degli specchietti, con un disegno che evoca il mondo delle imbarcazioni Riva. Gli archi passaruota anteriori e posteriori, al pari della zona sottoporta, sono tutti sottolineati dagli inserti in pelle, trattata per resistere agli agenti atmosferici.

Le foto di Fiat 500C custom Conticelli

Piacevole anche l'accostamento tra capote rossa e il cestino da pic-nic posizionato sopra al portatarga, con tanto di logo Fiat spostato. La motorizzazione sotto al cofano è quella d'ingresso alla gamma 500, l'1.2 aspirato da 69 cavalli, in allestimento Lounge. Fabiano Polimeni