Arrivano capitali indiani in Pininfarina. Mahindra, marchio automobilistico con sede a Mumbai, rileverà la totalità dell'azienda, per un affare che vale complessivamente 168 milioni di euro. L'acquisto verrà perfezionato nella prima metà del 2016. Inizialmente acquisirà il 76% della società , per un valore di 25.3 milioni di euro, corrispondenti a un prezzo per azione di 1,10 euro, molto al di sotto dell'ultima quotazione staccata in Borsa a Milano: 4,20 euro/azione, prima che il titolo venisse sospeso dalla seduta nella giornata di lunedì. Una seconda fase vedrà l'acquisto, sempre da parte di Mahindra & Mahindra e di TechMahindra, del restante pacchetto azionario, al medesimo prezzo per azione. Per il rilancio del marchio italiano, la cui presidenza resterà in capo a Paolo Pininfarina, figlio di Sergio, Mahindra investirà 20 milioni di euro e altri 114 saranno posti a garanzia dei creditori, secondo quanto riportato da Bloomberg. Dopo la divisione due ruote di PSA e Ssangyong, Mahindra mette a segno un altro colpo che, nella visione del marchio vedrà Pininfarina un importante partner per sviluppare il design dei futuri modelli e offrire servizi d'ingegneria, in campi anche extra-automotive. f.p.