A quattro anni di distanza dal lancio, è tempo di restyling per Opel Mokka. Introduce anzitutto una denominazione che ritroveremo su altri crossover e suv del marchio, la X, buona a evocare doti fuoristradistiche che Mokka prova a sottolineare ricorrendo alla trazione integrale, collegata a un nuovo motore turbo benzina 1.4 litri, potenziato rispetto ai 140 cavalli offerti finora e con un valore che sale a 152 cavalli, da gestire con la comodità di un cambio automatico 6 marce e la trazione integrale on demand, attiva solo quando serve, per non impattare sui consumi, che restano sui 6.6 litri/100 km nel ciclo misto. La frizione multidisco a controllo elettro-magnetico si chiude quando viene rilevata una perdita d'aderenza che richiede un trasferimento della motricità al posteriore, fino al 50% massimo, mentre in condizioni di grip perfetto Opel Mokka X scarica i cavalli sul solo asse anteriore (eccezion fatta all'avvio, comunque integrale). Confermata l'offerta di turbodiesel di recente introduzione, i quattro cilindri 1.6 CDTI declinati in versione 110 e 136 cavalli, finora accreditati di un consumo di 4.1 litri/100 km nel ciclo misto. Opel Mokka X cambia volto, si fa più accattivante il frontale, rinunciando a qualche elemento in plastica scura per ampliare le aree in tinta con la carrozzeria sul paraurti, con chiare influenze di Opel Astra per quanto riguarda i profili sotto i fendinebbia e quelli sulla calandra, oltre ai "baffi" cromati accanto al logo Opel. Complessivamente anche i contorni esterni sono stati ridisegnati, con alcuni spigoli in più che non dispiacciono. Forte evoluzione alla voce gruppi ottici, si resta anche qui nel campo delle linee geometriche, il cambiamento è evidente, di design e tecnico. I proiettori BiXenon adattivi (a richiesta) diventano a led (anche quelli posteriori, in optional) e con 9 programmi dedicati ad altrettante situazioni di guida, i fari avranno un funzionamento specifico a seconda che si stia guidando in città, campagna, su una strada ricca di curve o, semplicemente, si stia facendo manovra. L'High Beam Assist, che converte automaticamente da anabbaglianti ad abbaglianti, beneficia della telecamera Opel Eye potenziata, in grado di ampliare il raggio d'azione e restituire una "visione" ai sistemi elettronici di assistenza alla guida, dal riconoscimento della segnaletica Traffic Sign Assistant, al Following Distance Indication che rileva gli oggetti in movimento davanti all'auto. L'assistente al superamento involontario di corsia, inoltre, si attiva automaticamente al di sopra dei 60 km/h. Il maquillage estetico e contenutistico di Opel Mokka 2016 prosegue a bordo. La plancia abbandona il disegno ormai vetusto, semplifica l'insieme, meno pulsanti, un layout più pulito e intuitivo, a sviluppo orizzontale e con lo schermo della multimedialità in alto. L'IntelliLink di Opel si affianca ai servizi Opel OnStar e offre l'integrazione di Apple Car Play, Android Auto e Mirror Link: due le alternative, 7 o 8 pollici, entrambi con touchscreen capacitivo. Fabiano Polimeni