Vittoria annunciata quella della Opel nell'Auto dell'Anno 2016 ma in bilico fino a tre quarti della votazione. Sulla carta l'Opel Astra avrebbe dovuto dominare a mani basse perché è il genere di vettura che rispecchia l'identikit perfetto che dovrebbe avere l'Auto dell'Anno. I giornalisti-giurati, infatti, nel votare devono tenere conto di design, comportamento su strada e contenuti tecnologici di ogni auto, ma anche e soprattutto di qualità costruttiva e del rapporto qualità/prezzo. Ovvero privilegiare soprattutto le automobili dal prezzo più abbordabile. Quelle più vicine al pubblico di tutti i giorni, non le luxury cars o le supercar dal prezzo inavvicinabile. Ma se un'auto ha un appeal veramente speciale e magnetico, come è stato quest'anno per la Volvo Xc90, Suv di lusso e costoso ma molto attraente, e per la Mazda Mx5, piccola auto di nicchia ma molto coinvolgente perché offre un piacere della guida unico, il ribaltone può accadere. Ed è quello che stava per succedere. Il meccanismo della votazione prevede infatti che i giornalisti di ogni paese assegnino 25 punti in totale selezionando però un chiaro vincitore che deve ricevere un punteggio superiore agli altri (ma non otre i 10 punti). Questo sistema a volte può sovvertire le previsioni. Ed è quello che stava per succedere. Per esempio i giornalisti nordici hanno votato tutti compatti la Volvo XC90 assegnandogli quasi un plebiscito: 29 voti su 30 disponibili, il doppio della Opel (15). L'Astra ha ottenuto il maggior numero di preferenze nella maggior parte dei paesi votanti. In particolare in Austria, Belgio, Repubblica Ceca, Grecia, Ungheria, Polonia, Portogallo, Svizzera, Turchia. Ma ha perso nettamente dalla Volvo nei paesi con molti giurati votanti che quindi spostano la bilancia di parecchi voti. Come la Francia (17 voti contro i 25 della Volvo) e la Germania (dove la Opel Astra ha perso 27 a 36). L'Astra ha consolidato la vittoria grazie ai voti in più raccolti in Spagna (38 a 22 sulla Volvo) e soprattutto in Italia, dove ha fatto quasi l'en plein, con 40 voti contro i 31 della Volvo. Comunque nel finale il margine della Opel Astra sulla Volvo era assai risicato e l'ultima votazione, quella dei 6 giurati inglesi, avrebbe potuto ribaltare la situazione. Ma gli inglesi hanno dato il massimo delle preferenze a sorpresa alla Mazda che in Gran Bretagna ha raccolto ben 41 preferenze contro le 29 della Volvo e le 21 della Opel. E gli inglesi quindi oltre a sancire la vittoria della Opel Astra hanno decretato il terzo posto della Mazda che grazie all'elevato punteggi o dei britannici ha superato di slancio del finale la Audi A4 e la Jaguar XE. Per la cronaca, la classifica fra i 6 giornalisti italiani ha visti svettare la Opel Astra con ben 40 punti (di 60 teorici disponibili) davanti a Volvo con 31, Audi A4 con 23, Jaguar XE e Skoda Superb alla pari con 18, BMW serie 7 con 11 voti e Mazda Mx5 ultima con soli 9 voti. Alberto Sabbatini image1 IMG_2552