L’Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio, morde l’asfalto con i suoi freni. Brembo ha previsto un impianto di serie che poche auto stradali possono vantare. Si chiama High-performance Brembo brake system, è composto da dischi flottanti ventilati co-fusi da 360mm per l’anteriore e da 350mm per il posteriore.

Cosa sono i dischi co-fusi. Si chiamano così perché realizzati con due materiali: la ghisa, utile per le sue caratteristiche termiche, come la ridotta deformabilità e la buona conducibilità e l’alluminio, noto per le sue doti di leggerezza. Sono statifusi in un unico componente, creando un disco integrale a basse temperature, e ma da flottante alle alte, quando sono richieste le massime prestazioni e tende a deformarsi.

Per caratterizzare i possenti fianchi della Giulia Quadrifoglio, Brembo ha scelto pinze monoblocco, a 6 pistoni all’anteriore, a 4 pistoni al posteriore.

Il top. A pagamento c’è il sistema frenante Ultra-high-performance Brembo carbon ceramic material (CCM) brake system. Con dischi flottanti ventilati in carbon-ceramico da 390mm per l’anteriore e da 360mm per il posteriore. Il carbonio ceramico è caratterizzato da bassissima deformazione alle alte temperature, esaltando le performance della vettura. Nelle frenate più impegnative il disco in carbonio ceramico non rischia mai di incorrere nel fading: in seguito asurriscaldamento, i freni non perdono la loro efficienza.

I dischi in carbonio ceramico sono molto più leggeri dei dischi tradizionali e sulla Giulia Quadrifoglio sono abbinati a pinze in alluminio monoblocco da 6 pistoni sull’anteriore e da 4 pistoni sul posteriore, con quelle anteriori caratterizzate da una diversa geometria rispetto a quelle di serie e specifiche per i dischi in carbonio ceramico. 

I set di pinze sono caratterizzati dalla scritta Alfa Romeo. Per meglio abbinarsi ai 7 colori della carrozzeria, Brembo ha realizzato le pinze in tre tonalità differentirosso Brembo con la scritta in bianco, giallo con il logo in nero e nero con l’insegna in rosso.

Freno a mano elettrico. Al posto della leva del freno a mano c’è un sistema composto da un comando driver-switch (un pulsante) da una elettronica di comando e da un attuatore elettromeccanico indipendente dal resto del sistema frenante. Più difficile a dirsi che a farsi: per disinserirlo basta schiacciare il pulsante in plancia premendo il pedale del freno.  Tra gli altri vantaggi del freno di stazionamento elettrico quella di Drive Away per la quale il comando si disattiva automaticamente una volta inserita la marcia, rilasciata la frizione e premuto l’acceleratore.

La Giulia Quadrifoglio, dotata del V6 biturbo di 2.9 litri da 510 cavalli e 600 Nm di coppia (velocità massima di 307 km/h e accelerazione 0-100 km/h in 3”9) ha un prezzo a partire da 79.000 euro.