L'ultima edizione dello studio The Most Innovative Companies pubblicato da The Boston Consulting Group conferma ancora sul podio Apple, prima da 12 anni, seguita da Google e Tesla. Scorrendo la classifica troviamo Microsoft, stabile al quarto posto, seguita da Amazon, che fa un balzo di 4 posizioni e entra in top 5. Netflix e Facebook irrompono nella top 10 guadagnando rispettivamente 15 e 19 posti.

Bene l'automotive. Per BCG circa il 58% dei consumatori è già disposto a provare una vettura senza conducente e la ricerca e l'elaborazione di progetti che guardano a un nuovo concetto di mobilità sono alla base dei risultati di società come TeslaBMW (14esima) e Daimler (16esima).

ExpediaAirbnb e Uber sono alfieri del successo del Travel&Tourism nella classifica di questa edizione mentre un altro settore da cui arrivano segnali interessanti di evoluzione è quello dell'abbigliamento. Un esempio sono le performance di Nike e Under Amour che si identificano sempre di più con il concetto di "digital fitness company". 

Per gli autori – Michael Ringer, Andrew Taylor e Hadi Zablit – i risultati della ricerca segnalano come la velocità del cambiamento e l'impatto che le nuove tecnologie stanno avendo anche su settori tradizionali stiano rendendo cruciale per le aziende la capacità di bilanciare tra innovazione generata all'interno e proveniente da fuori. Le aziende in classifica sono capaci di scandagliare, captare ed elaborare con efficienza e i segnali innovativi che giungono da mondi diversi e veloci nel portarli al proprio interno.

La ricerca è stata condotta a livello globale intervistando più di 1.500 capi d'azienda provenienti da diversi settori e combinando le risposte con i risultati finanziari delle società indicate negli ultimi tre anni.Una classifica geograficamente variegata quella di questa edizione con 34 società statunitensi, 10 europee, 6 asiatiche. Un regional mix che si orienta quindi verso Washington che pesa per il 68% rispetto al 44% dell'edizione 2013.