Le mancheranno le doti di mezzo anfibio che saprà compensare con ben altre prestazioni. Lotus Evora Sport 410 si presenta in una veste unica, realizzata dalla divisione Lotus Exclusive, responsabile delle personalizzazioni a Hethel. L'ultima fatica è un esemplare che si rifà direttamente alla Lotus Esprit S1 utilizzata da James Bond ne "La spia che mi amava", pellicola del 1977.

Gli abbinamenti cromatici avvicinano la coupé nella sua versione più prestazionale, con motore V6 3.5 litri sovralimentato da 410 cavalli e 420 Nm di coppia, alla Esprit S1. Immancabile la colorazione bianca sulla carrozzeria, la modifica della fascia anteriore, con i profili centrali scuri anziché in tinta, proseguendo con la linea sulle fiancate, una coachline nera che segue anche le rotondità dei passaruota. 

Sul montante posteriore largo alla scritta Evora con grafica della Esprit, mentre il blocco unico del cofano motore, in fibra di carbonio, sfoggia una coda in tinta anziché la fibra a vista, adottata per il tetto, il pannello a copertura del vano anteriore, lo splitter e il diffusore.

Richiami allo stile anni Settanta della S1 sono presenti anche a bordo, a cominciare dai sedili (guscio in carbonio) rivestiti in pelle e tessuto con motivo Tartan, ripreso anche sui pannelli delle portiere, abbinato al rivestimento in Alcantara che contraddistingue il tunnel e la plancia, spezzati dalle cuciture a contrasto rosse.

40 anni di Lotus a Hethel con Evora speciale