Reduce dal record al Nurburgring e conseguente premiére della nuova Huracàn Performante, Lamborghini annuncia gli ottimi risultati 2016, con il marchio di Sant’Agata Bolognese che per la prima volta ha superato i 900 milioni di Euro di fatturato, passando da 872 a 906 milioni e facendo segnare un +4% rispetto all’anno precedente. Il merito è delle vendite, aumentate globalmente del 7%, passando da 3.245 a 3.457 unità e registrando un incremento per il sesto anno consecutivo.

Consegne che come già annunciato dovrebbero raddoppiare entro due anni, raggiungendo quota 7.000 unità nel 2018, anche grazie all’atteso sport utility Urus, la cui produzione sta richiedendo forti investimenti anche a livello di assunzioni, con il numero dei dipendenti passati da 1.298 a 1.415 nel 2016 e l’ampliamento del sito di Sant’Agata, che raddoppierà la superficie arrivando a 150 mila m2 per sostenere l’incremento produttivo. 

Stefano Domenicali, Chairman e AD di Automobili Lamborghini, commenta: "Lamborghini ha segnato un altro anno record e superato le nostre migliori previsioni. L’Azienda è in una fase di espansione straordinaria, grazie al prossimo ampliamento del portafoglio prodotti, del sito produttivo e la creazione di nuovi posti di lavoro. Tutto questo è frutto del lavoro impareggiabile del nostro team, a cui si deve il successo di oggi”.

Nel dettaglio, gli USA si confermano il primo mercato con 1.250 unità vendute mentre la bestseller del marchio rimane la Huracán, con un totale di 2.353 esemplari consegnati tra Coupé e Spyder. Cresciute anche le vendite della supercar 12 cilindri Aventador, passate dalle 1.003 unità del 2015 alle 1.104 del 2016.