Un ampliamento dell'offerta già noto, quello che produrrà Audi nella famiglia attuale di crossover e suv. Arriveranno Audi Q4 e Audi Q8, per cominciare. Nel 2018 si partirà da Q8, un anno dopo toccherà alla proposta compatta. E i piani di espansione proseguiranno successivamente con un suv elettrico. Definiti i tasselli, adesso sappiamo anche quali saranno i siti produttivi nei quali verranno realizzati. 

Slovacchia e Ungheria, l'impianto di Bratislava e quello di Gyor. Dal primo oggi esce Audi Q7, una produzione iniziata nel 2005 al tempo della prima generazione del grande suv. E la stretta parentela tra Q7 e Audi Q8 porterà in Slovacchia anche il suv dalle linee più dinamiche, anticipato dalla show car Q8 Sport Concept esposta al Salone di Ginevra (in foto) e rivale eletta di avversarie quali Mercedes GLE Coupé e BMW X6.

Un posizionamento inferiore, dalle dimensioni compatte e con una sigla a colmare il "vuoto" tra Q3 e Q5 - quest'ultima prodotta in Messico ed esportata globalmente -, avrà Audi Q4. I riflettori sul crossover di segmento C si sono accesi sin dall'accordo tra Audi e il gruppo FCA per l'utilizzo della sigla che identifica il sistema di trazione quattro ruote motrici Alfa Romeo. Da lì si sono delineati i contorni del crossover, che avrà proporzioni sportiveggianti rispetto ad Audi Q3.

La produzione a Gyor inizierà nel 2019 e nello stabilimento ungherese, dal prossimo anno, migrerà proprio Audi Q3, oggi prodotta a Martorell, stabilimento Seat - nel 2016, tra Q3 e RSQ3 sono stati realizzati 135.852 esemplari -

Hubert Waltl, membro del Consiglio di amministrazione Audi, responsabile per la Produzione e logistica, ha commentato: «Introdurremo due modelli della serie Q completamente nuovi nella rete produttive esistente, incrementando così la competitività in un segmento estremamente importante».

LA GAMMA AUDI E IL LISTINO PREZZI