La negligenza al volante non è solo un problema per la Polizia Stradale. L'abuso del cellulare al volante mette in apprensione anche le aziende. Infatti il 93% dei manager sono preoccupati che i propri dipendenti utilizzino il cellulare per scrivere messaggi di testo o accedere al web mentre stanno guidando per lavoro. Emerge questo dalla ricerca di TomTom Telematics, che è stata condotta presso 400 dirigenti di aziende italiane con 5 o più dipendenti.

C'è anche il rovescio della medaglia. Ben il 22% delle aziende non ha ancora adottato soluzioni per evitare che i dipendenti utilizzino il telefono cellulare mentre sono alla guida, attraverso specifiche politiche o formazione. Non hanno recepitoll'emendamento approvato a luglio dalla presidenza della commissione Trasporti della Camera che prevede l’aumento delle sanzioni. Anche con il ritiro della patente, per chi usa il telefono mentre guida.

La ricerca ha rilevato che l’84% delle aziende consente ai dipendenti l’utilizzo del viva-voce mentre guidano per motivi di lavoro. Recenti studi mostrano che parlare al telefono con il vivavoce può distrarre quanto parlare al cellulare.

TomTom Telematics, tramite Marco Federzoni, Sales Director per l'Italia avrebbe una soluzione, fornite dalla tecnologia della sua azienda. “Ci sono dati che suggeriscono che il viva-voce può distrarre altamente. E le aziende devono considerare questo fatto quando decidono come ampliare le policy. Soluzioni tecnologiche come la telematica possono giocare un ruolo importante nel supportare le aziende ad identificare quando i dipendenti guidano in modo distratto. Monitorando le performance. L’incidenza di sterzate e frenate brusche, per esempio, possono essere indicative di problemi rilevanti che richiedono attenzione.”