Conto alla rovescia per BMW e il suo piano di sviluppo che la porterà ad avere 25 modelli elettrificati entro il 2025, 12 dei quali a trazione esclusivamente elettrica. Secondo le anticipazioni di Drive Tribe, l’aggregatore di news di Richard Hammond, la strategia del gruppo di Monaco si svilupperà attraverso l'evoluzione delle sue piattaforme, diventate così modulari da poter accettare soluzioni a propulsione tradizionale, ibrida ed elettrica. In questi due ultimi casi, perfino con la possibilità variare il volume e la posizione delle batterie su due livelli, in modo da ottimizzare il baricentro di vetture sport utility, o più squisitamente sportive.

Per quanto riguarda il marchio BMW, al centro della strategia c'è naturalmente una versione evoluta della piattaforma CLAR (CLuster ARchitecture), quella che già fa da base a modelli come la X5, ma nella sua nuova variante ospiterà la berlina iNEXT, la nuova ammiraglia elettrica della famiglia “i” attesa nel 2021 e che proporrà le soluzioni più avanzate in materia di guida autonoma, ovvero quella di livello 3 con la possibilità di essere rapidamente aggiornata al livello 4. 

Per scelta, prima del debutto della iNEXT non ci saranno nuovi modelli in arrivo oltre alla nuova i3 appena presentata con accumulatori da 94ah e al restyling della i8 Coupé, con la sua inedita variante i8 Roadster

Ad affiancare iNEXT, dal 2021 in poi, la nuova iVision Dynamics, una coupé a quattro porte intermedia nelle dimensioni tra i3 e i8, con dimensioni paragonabili ad una Serie 4 Gran Coupé, ma con una autonomia di 600 km. Terza tessera del puzzle già prevista, la sport utility X3 in quella versione elettrica già annunciata all'atto del lancio dell'attuale modello.

A fianco della piattaforma CLAR, BMW lavora anche all'evoluzione di quella siglata FAAR per vetture a trazione anteriore, anche lei rivista in modo profondo per ospitare i tre tipi diversi di trazione, dal termico classico con sistema di Mild Hybrid fino all'ibrido puro e all'elettrico. Questa piattaforma sarà utilizzata per l'elettrificazione dei modelli BMW a trazione anteriore, ma farà da base già dal 2019 alla prima versione di grande serie della Mini elettrica.

BMW ha già fornito anche indicazioni sui livelli di prestazioni che dovremo aspettarci dalle sue vetture elettriche. Le auto con piattaforma a trazione anteriore avranno potenze fino a 269 cv, quelle a trazione posteriore fino a 295 cv, tutto questo senza contare le varianti a trazione integrale che utilizzeranno un motore per ciascuna ruota.