Fastback per dire compatta con la coda, ad ampliare l'offerta accanto alla due volumi e alla station wagon. Arriva Hyundai i30 nella declinazione di berlina che strizza l'occhio ai tre volumi, interpretati in maniera meno scontata del solito, ovvero, con un posteriore che bilancia stile e funzionalità di un bagagliaio con più litri a disposizione, step intermedio tra 5 porte e station.

Una linea del tetto più bassa di 25 millimetri, se confrontata con i30 due volumi, un assetto con altezza da terra ridotta nell'insieme di 30 millimetri, soprattutto, però, i 450 litri di spazio destinati ai bagagli, contro i 395 litri della sorella cinque porte.

Invariato, ovviamente, il passo, in 2 metri e 65 centimetri lo spazio a bordo resterà grossomodo invariato, con l'eccezione dettata dal diverso andamento del padiglione, più basso e rastremato verso la coda. Crescono gli ingombri esterni, con Hyundai i30 Fastback che guadagna 11 centimetri, tutti nello sbalzo posteriore, per raggiungere i 4 metri e 45 centimetri. Due motorizzazioni al debutto sul mercato, subito in Italia con il tre cilindri turbo benzina da 120 cavalli e 171 Nm e il quattro cilindri 1.4 T-GDI da 140 Nm e 242 Nm, unità abbinabile al cambio manuale 6 marce (standard sull'1.0 T-GDI) o al doppia frizione. Arriverà successivamente, a metà anno, la Fastback turbodiesel, 1.6 litri declinato in due livelli di potenza. 

Gli allestimenti proposti sono Business e Style, il primo già con una dotazione di serie completa, proposta al lancio a 19.100 euro contro un listino ufficiale da 24.050 euro. Dai cerchi in lega da 17 pollici ai sistemi di assistenza alla guida – mantenimento attivo di corsia, frenata anticollisione, automatismo High Beam sugli abbaglianti, rilevatore di stanchezza -, proseguendo con il cruise control, il clima automatico bizona, il sedile lato guida con regolazione lombare, fino all'infotainment da 8 pollici, con navigatore, retrocamera e 7 anni di servizi connessi Hyundai, non manca nulla. Lo step Style, 2.200 euro di sovrapprezzo, aggiunge i cerchi da 18 pollici, i fari full led, le cromature esterne, le bocchette del clima per i passeggeri posteriori, la strumentazione digitale a colori da 4.2 pollici, la regolazione elettrica del sedile lato guida e la ricarica wireless, tra i principali accessori standard.

Per un attacco fissato a 24.050 euro con motore 1.0 T-GDI, si passa ai 24.950 euro del medesimo allestimento Business con motore 1.4 T-GDI. La versione Style è proposta esclusivamente con motore 1.4 turbo, a 27.150 euro. Il sovrapprezzo per il cambio doppia frizione è pari a 1.500 euro.