Il progetto Titan è operativo per Apple. Che non realizzerà la fantomatica iCar o qualcosa del genere, perché troppo onerosa o per gli scarsi margini di guadagno. Il colosso di Cupertino, come noto, punta parecchio, pur avendo terreno da recuperare nei confronti della concorrenza, sui sistemi più avanzati di guida totalmente autonoma.

La rincorsa della Mela sulle strada della Calofornia. Per rimettersi al passo Apple ha deciso di incrementare i prototipi di auto per i test di Self Drive sulle strade dello "Stato del Sole". Una flotta più ampia: a primavera 2017 la California aveva concesso il permesso di effettuare prove su strade pubbliche.

E sono entrate in azione tre Lexus RX450h, modello molto apprezzato da molti sviluppatori di queste tecnologia. Adesso Apple ne ha messe in circolazione altre 24, arrivando a un totale di 27 vetture.

In valore assoluto però resta una piccola flotta. La concorrenza sta facendo le cose in grande. E ci riferiamo a Google e la sua Waymo (in sostanza l'ex progetto Google driverless car) che dispone di una "Armada" di 600 auto votate al Self Drive. Dislocate in sei Stati dell'Unione, questo è vero, ma rimane una differenza netta. In questo campo Apple, bisogna ammetterlo, è ancora un passo indietro.