Era solo questione di tempo. Chevrolet non poteva esimersi dallo scatenare in pista la sconfinata mandria rinchiusa nella nuova Corvette ZR1. Ultima generazione di supercar icona tutta americana, con motore V8 di 6.2 litri sovralimentato, capace di farle raggiungere una velocità prossima ai 340 chilometri orari. Eccola dunque sfidare, anzi strappare, l’asfalto del Virginia International Raceway, percorrendo i 6,6 chilometri di tracciato in soli 2 minuti, 37 secondi e 25 centesimi.

Oltre due secondi migliore del crono precedentemente messo a segno con la Corvette Z06. Un tempo record, ottenuto non solo grazie alla potenza (e all’abilità del pilota), ma anche grazie al cambio automatico 8 rapporti e al pacchetto ZTK Performance, con ala e spoiler in carbonio, chassis specifico, pneumatici Michelin Sport Cup 2 e magnetic ride control.

“Il giro record della ZR1 - ha commentato Mark Reuss, vicepresidente ricerca e sviluppo Chevrolet -, su quello che è probabilmente il circuito più impegnativo d’America, è una testimonianza del suo status di vera supercar. Su pista la ZR1 può competere con quassi altra supercar”.