Fiat Chrysler Automobiles sta valutando la separazione della Magneti Marelli Spa. Il gruppo guidato da Sergio Marchionne ha diffuso una nota, che riportiamo integralmente:

Il Consiglio di Amministrazione della Società prevede di esaminare nel dettaglio le opzioni per tale operazione nel secondo trimestre del 2018, in concomitanza con l’esame del piano industriale del Gruppo per il 2018-2022. Nel frattempo il management proseguirà le proprie valutazioni sulle possibili strutture dell’operazione al fine di massimizzare il valore per gli azionisti di FCA.

Non esiste garanzia che l’esame della potenziale separazione di Magneti Marelli abbia come risultato la decisione di intraprendere l’operazione o che detta operazione, una volta avviata, venga portata a termine. FCA non intende fare ulteriori comunicazioni in materia sino a quando una decisione finale sarà stata adottata.

L'annuncio potrebbe dunque arrivare il prossimo 1° giugno, ricalcando un modus operandi già applicato con Ferrari, effetuato nel 2016. Fondata a Sesto San Giovanni nel 1919, Magneti Marelli opera a livello internazionale come fornitore di prodotti soluzioni e sistemi ad alta tecnologia per il mondo automotive. Con 7,9 miliardi di euro di fatturato nel 2016, circa 43.000 addetti, 86 unità produttive e 14 centri R&D, il gruppo è presente in 19 Paesi (Italia, Francia, Germania, Spagna, Polonia, Repubblica Ceca, Russia, Serbia, Slovacchia, Turchia, Stati Uniti, Messico, Brasile, Argentina, Cina, Giappone, India, Malesia e Corea).