Fa primavera e rombano i motori epici. Torna Verona Legend Cars, la quarta edizione si svolgerà dal 4 al 6 maggio. L’heritage ormai è diventato un must che coinvolge sempre più appassionati. In riva all’Adige c’è il plus di una formula dinamica. Ovvero un mercato di modelli Classic, oltre 1300 per questa edizione, i raduni dei Club e Registri storici e un tracciato da competizione dedicato ai grandi piloti del Rally mondiale. Un triplete che dovrebbe accontentare quasi tutte le tipologie di petrolhead.

Nel mercato i dealer specializzati presenteranno un’offerta dai pezzi più rari e ricercati, destinati ai cultori di lungo corso, fino ai modelli più amati e classici come Porsche, Alfa Romeo, Ferrari, Lancia. E anche le YoungTimer degli anni Novanta.

Nelle grandi aree scoperte che circondano i padiglioni, a Verona Legend Cars i raduni di Club e Registri Storici si terranno all’interno della Fiera, fianco a fianco con i visitatori.

In pista tornerà la Sfida dei Campioni nella quale si cimenteranno alcune leggende dei rally a bordo sia di auto del passato sia di modelli di ultima generazione. Nel 2017 si diedero battaglia campioni assoluti come Miki Biasion, Juha Kankkunnen e Markku Alén. Ci sarà da divertirsi ancora.

Le finali del Trofeo Verona Legend Cars si disputeranno con vetture fornite dall'organizzazione: sono in fase di definizione. Il percorso sarà trasformato in due rettilinei paralleli sotto alla tribuna principale, per esaltare le sfide uno contro uno.

I concorrenti, sorteggiati a coppie, dovranno affrontare questo rettilineo, allestito con postazioni di birilli come negli slalom, prima in una direzione poi nell'altra, dopo aver effettuato uno cambio di direzione intorno al cuneo che sarà posto all'estremità del rettilineo. La classifica sarà generata considerando sia il tempo che le penalità accumulate abbattendo i birilli. Il premio finale è una Abarth 595 stradale in uso gratuito per un anno.