L'ultima generazione di Audi A6 è stata una delle protagoniste indiscusse dell'ultimo Salone di Ginevra. Una macchina da guidare oggi, tra supercar, prototipi e visioni autonomistiche. Doveroso e prevedibile affiancare alla berlina l'immancabile A6 Avant, nuova espressione della familiare premium dei Quattro Anelli. Non cambia nelle dimensioni, mantenendo una lunghezza di 4,94 metri e un bagagliaio di 565 litri, ma beneficia dell'ampio pacchetto di novità che contraddistinguono la nuova gamma A6. Riguardanti il design, la meccanica e la tecnologia.

Dunque frontale maestoso con ampia griglia single frame, linee vigorose e scolpite, profilo posteriore inclinato per enfatizzare la sportività del modello. Votato, come da tradizione, alle maratone e alla vita in famiglia. Per renderla più semplice, c'è l'apertura elettrica del portellone di serie su tutte le versioni, il vano bagagli è dotato di guide interne per fissare il carico a quattro occhielli, mentre i sedili posteriori sono abbattibili nel rapporto 40:20:40.

L'abitacolo è caratterizzato da linee minimal e al centro della sottile plancia spicca il display superiore MMI touch response che, analogamente al display inferiore lungo la console, è leggermente orientato verso il conducente. Insieme al sistema di navigazione MMI plus (a richiesta), la vettura viene dotata della strumentazione integralmente digitale Audi virtual cockpit con diagonale da 12,3 pollici, gestibile mediante i comandi multifunzione al volante. Inoltre l’head-up display proietta le informazioni di maggiore interesse sul parabrezza. Tra le numerose possibilità di personalizzazione il sistema audio Bang & Olufsen da 19 altparlanti e la chiave Audi connect che consente di sbloccare l'auto attraverso lo smartphone.

Ricco, al pari della berlina, il pacchetto di sistemi di sicurezza attiva e passiva, disponibile nelle versioni City e Tour. Di serie per entrambi la frenata automatica d'emergenza e il cruise control adattivo con mantenimento della corsia, così come i fari Led, offerti anche con tecnologia Matrix Hd.

Dal punto di vista della meccanica, nuova A6 Avant esce di serie con lo sterzo progressivo, mentre a richiesta si può optare per il sistema a quattro ruote sterzanti, che garantisce un diametro di volta di soli 11,1 metri, oltre a stabilizzare la vettura in curva oltre i 60 km/h, quando le ruote posteriori ruotano in fase con quelle dell'asse anteriore.

I motori previsti sono il 2.0 TDI da 204 cavalli, i 3.0 TDI da 231 e 286 cavalli e infine il 3.0 TFSI da 340 cavalli. I V6 sono dotati di tecnologia mild hybrid con rete elettrica di bordo a 48 Volt, in virtù della presenza si uno starter-alternatore alimentato da una batteria agli ioni di litio. Oltre alla funzione start/stop, è prevista la possibilità di viaggiare con il motore disinserito viaggiando ad andatura costante tra 55 e 160 km/h.  La trazione è integrale sulle versioni da 3 litri, con cambi automatici a 8 marce sulle turbodiesel più grosse e a doppia frizione a sette marce su 3.0 TFSI e 2.0 TDI. La commercializzazione, con listino da definire, è prevista per l'autunno 2018.