In America domina da 50 anni, ma va forte ovunque. Ford Mustang per il terzo anno consecutivo è stata l’auto sportiva più venduta nel mondo. Con oltre 125.000 esemplari(125.809 per l’esattezza) ha sbaragliato la concorrenza, distribuita in 146 nazioni.

Questo secondo i dati elaborati da IHS Markit sulle immatricolazioni nel segmento delle coupè sportive Ovviamente Mustang rimane un fenomeno a stelle e strisce, dove è stata acquistata in quasi 82.000 esemplari. Quindi un terzo delle vendite è stato consegnato fuori dagli USA, principalmente in Europa e in Asia.

Il primo mercato fuori dai confini nazionali è quello cinese, con 7.125 immatricolazioni. Dal lancio della nuova generazione, Mustang ha venduto 418.000 unità, un numero importante.

Nel 2017, Ford ha venduto 13.100 Mustang in Europa, superando la Porsche 911 in 13 Stati Europei tra cui Regno Unito e Spagna

Una delle ragioni del successo è sicuramente il prezzo di partenza, che negli Stati Uniti attacca da 26.485 dollari (meno di 22.000 euro). Il design d’impatto e la fruibilità del mezzo fanno il resto. Mustang è una sportiva, con migliorate doti di guida, ma non è un’auto estrema. Adatta a una larga clientela, in Italia purtroppo osteggiata dallo stolto superbollo. Sempre avvincente il suono del V8  della GT (35.995 dollari in Usa) un 5 litri da 450 cavalli.

Il restyling del 2018, con plancia digitale, sta per arrivare anche sul mercato italiano. Pure col più abbordabile 2.3 litri EcoBoost da 290 cavalli.

Al top di gamma c’è la Bullitt Limited Edition, alla leggendaria Mustang GT fastback protagonista, insieme a Steve McQueen, dell’omonimo film del 1968. Ordinabile nelle tonalità Shadow Black e nel classico Dark Highland Green, è equipaggiata con un motore 5.0 V8 potenziato, che arriva 464 cavalli e 529 Nm di coppia, abbinato esclusivamente alla trasmissione manuale.