Molti guardano avanti, parecchio avanti. Opel pensa all’oggi e al domani. Grandland X, il SUV tedesco adotta un nuovo motore. E’ un Diesel, alla faccia della bufera mediatica di questi mesi. Il motore d’attacco della gamma, che entra al posto del 1.6 Ecotec da 120 cavalli. Arriva sempre un quattro cilindri, ma di 1.5 litri, con 130 cavalli 300 Nm di coppia già disponibili a 1.750 giri.

La versione è già a listino, con un prezzo di partenza di 28.700 euro e i quattro allestimenti canonici del modello, ovvero Advance, Business, Innovation e Ultimate.

“Limati” cilindrata e consumi. Nonostante la diminuzione di cilindrata il quattro cilindri a gasolio, con testata e basamento d'alluminio, è più potente ed efficiente, con consumi ridotti del 4%. La percorrenza media dichiarata è di 24,4 km/litro, le emissioni di CO2 di 108 g/km. Grandland X 1.5 Diesel è disponibile col cambio manuale a sei marce o con lautomatico a otto rapporti (Aisin) ed ha lo start/stop.

Il propulsore è dotato del catalizzatore di ossidazione/assorbitore per ossidi di azoto (NOx) associato al sistema di Riduzione Catalitica Selettiva (SCR). La superiore efficienza è stata ootenuta anche all’ottimizzazione del sistema di combustione con geometria dei pistoni brevettata. E grazie anche un maggiore ricircolodei gas di scarico, il virtù uno scambiatore di calore più performante.

Le emissioni sono contenute grazie a un sistema che unisce il catalizzatore di ossidazione/assorbitore per NOx, l’iniettore di soluzione AdBlue, il catalizzatore SCR e il filtro anti-particolato diesel (DPF). Tutto in una singola unità compatta, vicina al motore. Il 1.5 Diesel rispetta la normativa Euro 6d-TEMP per quanto riguarda i NOx.