L’ultima creazione di Romeo Ferraris è l'Abarth 500 Baronio. Il celebre preparatore di Opera ha creato una serie speciale, in onore di uno dei suoi uomini più importanti. Si tratta di Aldo Cerruti, socio di Romeo Ferraris nell’impresa e driver sempreverde. Gli anni sono passati, ma quasi quattro decenni fa Cerruti, papà della nota pilota Michela, in pista era noto proprio come Baronio.

Non è il CinquoneAbarth 500 Baronio è realizzata partendo da Abarth 595 e proposta in due step: con 210 e 248 cavalli, grazie un turbocompressore maggiorato e a modifiche alla centralina.

La potenza non è tutto ovviamente. L’abitacolo può essere allestito biposto con rollbar, con rifiniture in carbonio e particolari in giallo (corsa, verrebbe da dire). La serie speciale beneficia di carreggiate allargate con i distanziali, muscolosi passaruota e minigonne dedicate, numerose prese d’aria, dettagli aerodinamici. Completa il quadro tecnico l’assetto Bilstein.

I cerchi in lega sono da 18 pollici, ma soprattutto c’è un car wrapping particolare, grigia metallizzata e nero opaco, con linee gialle che esaltano la muscolatura della carrozzeria. Lo sguardo invece e da dura: i fari sono oscurati.