Se in Giappone hanno scatenato un Godzilla contro il crimine, negli USA gli sceriffi avranno pronti un esercito di prestanti SUV.

Entro l’estate le forze dell’ordine americane avranno a disposizione la nuova versione di Dodge Durango Pursuit. Che letteralmente significa, ricerca, inseguimento. L’aggiornamento del modello, comunque molto “fresco”, perché arrivato l’anno scorso, è stato presentato in occasione del National Sheriffs' Association Show a New Orleans.

I motori a disposizione sono due. Il V6 Pentastar da 3.6 litri che eroga 297 cavalli, o il poderoso V8 Hemi da 5.7 litri e 360 cv. Dodge Durango Pursuit è dotato ovviamente di cambio automatico a otto marce e di trazione integrale.

Si propone come mezzo tuttofare, supportato da doti stradali non comuni. La stazza non è un problema: l’aggiornamento prevede un nuovo fascione anteriore, integrato con condotti di raffreddamento dei freni (dotati di un sistema di bloccaggio avanzato), che ne migliorano rendimento ed efficienza.

Ma soprattutto c’è il kit performance con nuove e più performanti sospensioni, barre stabilizzatrici all’anteriore e al posteriore, cerchi in alluminio da 18 pollici. Nonostante la massa, Dodge Durango Pursuit da 60 miglia orarie (96 km/h) si ferma in quaranta metri. Pronto per ripartire all’inseguimento.