Sarebbe come un’opera a metà, se Audi Q8 non spingesse sull’acceleratore delle prestazioni e affiancasse vere e proprie versioni sportive ai due Diesel e al turbo benzina previsti al lancio e nella fase immediatamente successiva alla commercializzazione. Arriveranno sigle note, S e RS, indizi di Audi Sport annunciati già sotto forma di concept, con Audi Q8 Sport. La prima a veder la luce sarà Audi SQ8, successivamente toccherà al top di gamma RS Q8, indicato con un V8 4 litri twin-turbo e la possibilità del supporto elettrico, in un sistema che potrebbe oltrepassare i 650 cavalli.

La sportività di SQ8 oscilla tra due opzioni: un motore twin turbo mild hybrid o un V8 Diesel, quest'ultimo proposto su SQ7 e forte di 435 cavalli. I muletti di sviluppo hanno messo in mostra la targhetta TDI sul cofano, un indizio sufficiente ad assicurare la presenza motorizzazione a gasolio? Forse no.

D’altronde, il concept Q8 Sport si presentò con una soluzione mild hybrid benzina – ibrido a 48 volt peraltro già pienamente a bordo di Q8 50 TDI, con un recupero di energia che vale 12 kW attraverso un alternatore-generatore a cinghia -. Dovesse seguire la strada del concept, SQ8 di serie, andremmo verso un motore twin turbo benzina V6 da 3 litri, base da 450 cavalli da “arricchire” con un ibrido composto da unità elettrica installata tra cambio e trasmissione, in grado di recuperare e sviluppare una spinta pari a 26 cavalli e 170 Nm, nonché un compressore elettrico a supporto dei turbocompressori a gas di scarico, così da azzerare il turbo lag e generare la massima coppia motrice praticamente sopra il minimo.

Audi Q8, stupore a quattro anelli

La soglia di potenza collegata ad Audi SQ8 guarda ai 470-480 cavalli. Certa l’adozione di un impianto frenante carboceramico, paraurti con aperture laterali vere e funzionali a raffreddare i pacchi radianti supplementari, assetto notevolmente ribassato e cerchi da 22 pollici.