È primatista di vendite in Europa, quasi 164 mila unità nel 2017, meglio delle rivali Mercedes Classe A e BMW Serie 1. Basta questo dato per dire quanto, nuova Audi A3, si appresti a raccogliere un’eredità pesante. La quarta generazione arriverà nel corso del 2019, aggiornata nella tecnica, con l’impiego dell’architettura MQB evoluta – destinata anche alla futura Golf 8 – e affinata nel design. Quest’ultimo seguirà i tratti spigolosi portati al debutto, nel segmento compatto ma con proporzioni suv, da Audi Q3.

Passo più ampio, un paio di centimetri più larga, come Q3 anche Audi A3 seguirà questa direzione. Vorrebbe dire collocarsi sui 4,30 metri di lunghezza, un balzo in avanti di 7 centimetri destinato a finire tutto all’interno del passo, per una migliore abitabilità interna.

Tra le novità più rilevanti, è previsto l’abbandono della carrozzeria tre porte per offrire, accanto alla A3 Sportback, le consuete varianti Sedan quattro porte e cabriolet. Secondo alcuni rumours l’addio alla A3 tre porte verrebbe compensato da una proposta coupé. Di fatto sarebbe una marcatura di quanto fa (e continuerà a fare) BMW con Serie 2 – fedele alla trazione posteriore anche dopo la prossima transizione tuttoavanti di nuova Serie 1 –.

L’idea di una Audi A3 coupé è affascinante, ciò non toglie che le tradizionali versioni sportive della gamma A3 continueranno a esserci: Audi S3 esordirà in una fase successiva, si guarda al 2020-2021, i muletti di sviluppo sono già stati avvistati su strada, inconfondibili per la presenza dei quattro terminali di scarico.

La gamma “normale” di nuova A3 introdurrà le unità mild-hybrid apprezzate su altri modelli della casa di Ingolstadt. Da scoprire se, in abbinamento ai motori, tutti quattro cilindri, si sceglierà il sistema alternatore-starter con rete elettrica a 12 volt o si proporrà la variante a 48 volt, in grado di offrire benefici ancora maggiori sulle fasi di start&stop.

Audi Q3, seconda generazione più sportiva e tecnologica

Il logico sviluppo dell’alternativa ibrida plug-in garantirà una maggiore autonomia di marcia in modalità zero emissioni, da non tralasciare, poi, il fronte bifuel a metano, con il nuovo 1.5 litri turbo un’interessante proposta pulita per arricchire l’offerta.

Ultime anticipazioni sul fronte stilistico per dire delle forme più appuntite sul muso, dall’ampia calandra esagonale ai fari a led. Audi Q3 ha offerto una chiara indicazione del volto che avrà anche la berlina, probabilmente con una soluzione sui gruppi ottici leggermente diversa nel “gradino” inferiore e nel raccordo con il paraurti. Altra variazione sul tema rispetto al suv la avremo lungo la fiancata, con la nervatura appena sotto la linea di cintura che abbandonerà le sinuosità sui passaruota per una proposta retta.