Ibrida? No, nonostante le ultime indiscrezioni vogliano il contrario. Koenigsegg Agera verrà sostituita da una hypercar che rileverà il testimone dall’auto più veloce del mondo. Appuntamento al Salone di Ginevra 2019, dove l’unico teaser diffuso finora si trasformerà in meraviglia fatta di numeri, forme, materia apprezzabile dal vivo. Un altro tassello va ad aggiungersi adesso al progetto dell’azienda svedese, c'è un nome che inizia a circolare in Rete: Ragnarok, Koenigsegg Ragnarok. Dovrebbe chiamarsi così la hypercar da oltre 450 km/h in arrivo.

Agera, Regera, la nuova "-era" non sfoggia esattamente il più accattivante dei nomi, poi approfondisci il significato di Ragnarok, lo trovi nella mitologia scandinava e scopri una sintesi del tipo: “dopo di me il nulla”. Ragnarok è la battaglia finale tra forze della luce e delle tenebre, dopo le quali si avrà la distruzione del mondo.

Pillola mitologico-culturale relativa. Molto più interessante dire della possibilità che dal motore V8 5 litri twin-turbo si arrivi a quota 1.460 cavalli. Motore che sarà un’evoluzione dell'unità di Agera RS, il cui potenziale di crescita è stato ribadito da Christian Von Koenigsegg: passaggi di ottimizzazione continua, compresa la riduzione del peso. Fattore, quest’ultimo, che punterà un obiettivo molto ambizioso, una massa complessiva del progetto inferiore ai 1.200 kg, partendo da un dato di riferimento: i 1.360 kg della One:1. Ambizione che basta a escludere la presenza di un sistema ibrido, che aggiunge kg dall’insieme batterie, elettronica e motogeneratore, anziché toglierli.

Nuova Agera RS, sarà con il FreeValve?

I 1.460 cavalli arriverebbero anche dall’incremento del regime di rotazione fino al limite dei 9.000 giri/min (Agera RS ha la zona rossa a 8.250 giri/min), senza dimenticare la possibilità di operare sui turbocompressori, elementi a geometria variabile e 1,3 bar di pressione di sovralimentazione, per come impiegati su Agera RS.