Hot Wheels compie 50 anni. Le mitiche macchinine americane che il 7 settembre 2018 spengono 50 candeline. Ma ricordate la prima auto che avete "guidato"?! No, non sto parlando di quella volta che avete girato per qualche metro in braccio al vostro papà con le mani sul volante, sto parlando di "velocità vere" in piste "di plastica", con macchine dipinte di colori fluo disegnate con le fiamme, pronti per fare il giro della morte per arrivare davanti ai vostri amici. La location era la vostra cameretta e tutti noi guidavamo le Hot Wheels

Tutto ebbe inizio nel lontano 1968, quando la Californiana Mattel decise di intraprendere un nuovo e lungo viaggio. La linea delle ruotine fumanti Hot Wheels in scala 1:64 iniziò il suo percorso con i modelli delle case Americane e con le sue iconiche Muscle cars. Camaro, Corvette, le Ford GT40, le Mustang, e le Dodge sia in versione standard, che nella variante customizzata. Poi arrivarono le auto sportive europee di culto: Ferrari, Lamborghini, Porsche, BMW e Mercedes, ma anche mezzi più tranquilli, come il furgoncini della Wolkswagen, tutti coloratissimi e addobbati in chiave vacanziera con le tavole da surf inserite nel lunotto posteriore, o aggiunte come tasche sulle fiancate allargate, cambiamento necessario, per non uscire fuori pista (per i collezionisti infatti ricercatissimo e il Bulli, denominato Beach Bomb del 69 di colore rosa, valutato la ragguardevole cifra di 100.000 dollari!).
Nella collezione Hot Wheels non potevano mancare le automobiline del sol levante come: Mazda, Honda, Subaru e Toyota, in tantissime varianti di modelli e tonalità con livree speciali, che cambiavano colore a contatto con l'acqua. Modelli sia da corsa che stradali. La lunga via di questi giocattolini fiammanti non poteva "dimenticarsi" del mondo dei telefilm e dei film, dove le auto fanno da co protagoniste. Ecco quindi arrivare la Ferrari Testarossa in livrea bianca di Miami Vice (c'è ovviamente anche la Daytona cabrio in total black) o le Aston Martin DB5 e DB10 dell'agente segreto britannico più famoso di sempre, James Bond 007. Dai mitici anni 80 altri modellini immancabili sono: la Ferrari 308 GTS rossa di Magnum P.I. (la vera chicca è che c'è anche l'elicottero e il furgoncino dell'Island Hoppers, la ditta di trasporto turistico nelle Hawaii del suo amico T.C.) e la Pontiac Trans am nera di Supercar (K.i.t.t. in Knight Rider). Serie speciali che purtroppo si trovano nel mercato americano, anche se con una attenta ricerca in rete è possibile riuscire ad aggiudicarseli. Proseguendo, ci sono le auto truccate di Fast & Furious e le tre versioni della De Lorean dei 3 ritorno al futuro, non manca neanche la Ecto1 dei Ghostbusters! Un'alta icona rossa è la Ferrari 250 California Di "Ferris Bueller's day off" (dal film: Una pazza giornata di vacanza).
 
Rimanendo nel modo cinematografico e dei fumetti, ci sono svariate serie di vetturette dedicate ai supereroi, sia del mondo Marvell, sia dell'area Dc Comics. Non manca nulla, c'è l'auto che raffigura Spiderman, Ironman, Superman, Wonder Woman e l'incredibile Hulk. Poi c'è Bat Man. Per il capitolo del cavaliere oscuro c'è un mondo a parte, in quanto le Bat-mobili disponibili sono in molteplici colori e modelli e vanno dalla prima mitica "concept Lincoln Futura" della serie tv di fine anni 60, fino alla muscolosa e possente "Tumbler" (quest'ultima disponibile nel classico nero opaco, ma anche nella Camouflage version). Ci sono infine le auto dedicate a Star Wars e a tutti i personaggi della saga stellare, soffermandoci nel mondo spaziale, troviamo infine l'astronave numero uno di sempre la U.S.S. Enterprise di Star Trek. Il viaggio prosegue, negli anni la Hot Wheels infatti è sempre rimasta al passo coi tempi, raggruppando sempre più estimatori di tutte le età, dai piccoli giocatori ai grandi collezionisti, tutti legati da un fil rouge fatto di passione e di divertimento.
Aspettiamo trepidanti i prossimi 50 anni, pronti per aggiungere altri auto-modellini nella nostra collezione.