Rennsport Reunion, il momento è arrivato. Ci sono dei luoghi che hanno il profumo della leggenda anche se sono vuoti, ci sono piste che ti incutono timore e rispetto allo stesso tempo, creando un processo di emozione e di adrenalina. Ci sono riunioni che ti lasciano senza parole da quante icone su pista potrai vedere. Tutto questo è un sogno? No è la semplice realtà. Nel circuito di Laguna Seca, vicino a Monterey in California (USA), tra poco più di due settimane (l'evento infatti è fissato dal 27 al 30 settembre) avverrà la sesta edizione della "RENNSPORT REUNION" con tutte le Porsche da corsa.

Saranno quattro giorni pieni di tutto quello che l'appassionato tipo, sogna. Una parata infinita dei tanti gioielli di Zuffenhausen che hanno vinto tante corse di ogni tipo. La riunione per eccellenza, descritta dagli organizzatori come la più grande del mondo, (nell'edizione numero 5 svoltasi nel 2015 ha totalizzato una partecipazione di oltre 60.000 persone) comprenderà ogni tipo di Porsche sia vintage che moderna, si potrà osservare tutta l'evoluzione dei modelli da pista e vedere le icone più belle di sempre.

Non mancherà nulla o quasi. La P.C.N.A. (Porsche Cars North America) che organizza l'evento assicura "il solito spettacolo". Scenderanno in pista tante 917 e in particolare la 917 k con la livrea Gulf, (in azzurro e arancione) che vinse la 24 ore di Le Mans nel 1970. Ad affiancarla ci sarà la 356 SL coupè (quella con le ruote coperte) in livrea argentea con il numero 46, che Le Mans (nella sua categoria) la vinse nel 1951, fino ad arrivare ai giorni nostri con le 919 Hybrid che vinsero la 24 ore "Francese" nel 2015, 2016 e 2017.

In mezzo a tutti questi mostri sacri si aggiungeranno altre tonnellate di cavalli. Ci saranno infatti le 935 con le fantastica livrea Martini, alla quale si aggiungerà anche la 935 long tail del '78 che per le sue forme e il suo colore bianco fu denominata "Moby Dick" (come la balena del libro di MELVILLE) Non mancheranno le ancor più potenti 935 rinvigorite dai fratelli Kremer, che ai tempi studiarono appositamente un kit di evoluzione di potenza per queste fantastiche auto. Altri numeri, ecco quindi la 908 che vinse la 24 ore di Daytona nel 1968, o la 962 e la 961 (versione da competizione della mitica 959) nella stupenda livrea dipinta coi colori Rothmans. Infine il mezzo che fa battere il cuore di tutti gli estimatori più incalliti del marchio made in Germany, ovvero la 911 nelle sue versioni più spinte: Gt1, Gt2, Gt3 e RSR. Tutto questo è la celebrazione della competizione che gira intorno al marchio Porsche e alle sue vittorie.

In mezzo a tutta questa potenza, non mancheranno i campioni che hanno portato queste vetture speciali a passare il traguardo per prime. Questa edizione numero 6 della Rennsport (parola tedesca  che significa "corsa") é accompagnata dalla scritta "Marque of Champions", arriveranno quindi piloti che hanno fatto la storia del blasonato marchio tedesco all'appello della Guest Llist ci sarà Hurley Haywood, famoso corridore americano e vincitore di tante gare di Endurance, Brian Redman co-ideatore della Rennsport Reunion, Norbert Singer capo ingegnere papà della 962 e creatore del fantastico motore V10 della Carrera GT, e MR Jacky Ickx vincitore per ben 6 volte della 24 ore di Le Mans.

La locandina dell'evento esprime il simbolo e la positività della vittoria che il marchio Porsche racchiude. Sono raffigurate infatti in un poster (disegnato "su misura" da Dennis Simon, artista specializzato nei dipinti dell'automotive che ha anche curato quasi tutte le locandine precedenti della RS Reunion.) tre auto storiche che hanno portato la casa tedesca ad ancora più trofei. La prima in alto è la 718 RS Spyder vincitrice della 12 ore di Sebring nel 1960, la seconda (in giallo racing) è la RS Spyder vincitrice sempre a Sebring nel 2008 e a Le Mans nel 2008 e nel 2009 in classe LMP2. Concludendo con la terza e più famosa di tutte, la 959 gruppo B che vinse la storica e difficilissima Parigi Dakar nel 1986.

Tutto questo spettacolo sfilerà in pista, (ci saranno più di 350 Porsche da corsa) con gare per categorie  (sette per la precisione) percorrendo quel circuito meraviglioso con il suo Corkscrew (il mitico cavatappi) che tutti noi conosciamo per divertenti sorpassi al limite avvenuti nella MotoGP e non solo.

Infine un ultimo "regalo", in occasione della Riunione di settembre, Porsche Design ha creato una serie limitata a soli 70 esemplari del cronografo in total black marchiato RENNSPORT REUNION VI. Un omaggio del tempo e nel tempo che ha sempre scandito i secondi magici di tutti i momenti vincenti di Porsche. E' in titanio, la cassa ha la misura di 42mm, quadrante nero con lancette bianche tranne quella dei secondi cronografici, che è in contrasto ed è rossa, ha il fondello scheletrato per vedere il movimento automatico e ha su entrambi i lati il logo RENNSPORT REUNION VI con la bandiera a scacchi. verrà venduto durante l'evento californiano al prezzo di 6.850 dollari.