Sarà molto meno “squadrata” di quanto non indicavano le prime indiscrezioni, Mercedes GLB. Con i muletti che progressivamente perdono porzioni di camuffature, le forme del suv di segmento C emergono meglio e sviluppano l’impianto del monovolume Classe B in una direzione da sport utility. 

Sarà un prodotto diverso da Mercedes GLA, destinata a trasformarsi con la nuova generazione in crossover puro, atteso nel corso del 2019. Mercedes GLB offrirà una versatilità e praticità superiori, da vero suv. Missioni che si leggono nell’andamento del tetto, regolare fino in coda, senza cenni di rastremazioni accattivanti ma al tempo stesso a pregiudicare in parte abitabilità e volume di carico. Proseguendo con la soglia d’accesso del bagagliaio sufficientemente bassa e dall’apertura regolare, per non dire della linea di cintura che bilancia lamierati e vetrature.

Mercedes GLB andrà a ritagliarsi il proprio spazio al di sotto di GLC. Lo farà giocando su margini di manovra ristretti, quando a oscillazioni dimensionali: è prevedibile attendersi un modello compreso tra i 4,42 metri che sono, oggi, lunghezza di Classe A 5 porte e i 4,55 metri della Sedan. Il progetto nasce sullo stesso pianale MFA2 e riceverà uguali motorizzazioni, turbo benzina 1.3 litri e Diesel 2 litri di nuova generazione. Possibili delle specializzazioni da off-road mutuate dai modelli di segmento superiore, in particolare sul fronte della trazione 4Matic.

Le ultime foto spia rivelano le forme dei fari posteriori, per taglio vicini a Classe B, dalla grafica però rivista, non a caso quadrati stondati agli angoli. Con quali modelli dovrà confrontarsi GLB? Per segmento d’appartenenza le rivali sono destinate a essere, anzitutto, BMW X1 e Audi Q3.

Nuova Audi Q3, compatta allargata: la prova