Appena il tempo di assimilare la prima parigina di Skoda Kodiaq RS ed è già tempo di registrare un’altra novità abbinata al suv del marchio ceco, che sperimenta la formula suv-coupé. Skoda Kodiaq GT è un modello specifico per il mercato cinese, il più grande per la casa di Mlada Boleslav.

Sviluppa i tratti stilistici del Kodiaq che conosciamo, verstatile per volume utile nel bagagliaio e configurazione degli interni, 5 o 7 posti, decide di specializzarsi nella silhouette più filante in coda.

Rappresenterà il modello di punta del marchio in Cina, Skoda impegnata a investire 2 miliardi di euro nel volgere di 5 anni, in un programma definito nel 2016 e focalizzato sull’espansione della gamma di sport utility vehicle e motorizzazioni alternative.

Kodiaq RS, tutti i numeri del primo SUV sportivo ceco

Tre bozzetti raccontano le novità estetiche del modello, concentrate nella parte posteriore, dal montante centrale procedendo in coda: la linea del tetto si abbassa, diventa più rastremata e si raccorda con un lunotto molto inclinato in avanti, canone essenziale della sportività espressa su forme da sport utility.

ADDIO RAPID, BENVENUTA SKODA SCALA

Per un modello che resterà un’esclusiva del mercato cinese c’è una novità “europea” da registrare. Sul fronte Spaceback o, meglio, la nuova generazione di berlina compatta che rileverà la Rapid Spaceback. C’è un nome ufficiale, entro fine anno scopriremo Skoda Scala. Così, il progetto su pianale MQB A0 annunciato dal Salone di Parigi (tutte le novità sul numero di Auto in edicola) con il concept Vision RS.

Sarà il modello che porterà una diversa rappresentazione del brand sul portellone: addio al logo Skoda per far posto alle lettere, ben spaziate, applicate sul lunotto esteso. Soluzione che Kodiaq GT interpreterà in modo del tutto simile.